Post-it

  • Mirisola (Istituto Migranti), sanità sia senza pregiudizi
Post-it

Mirisola (Istituto Migranti), sanità sia senza pregiudizi

Nostri operatori ogni giorno dalla parte di migranti e indigenti

Post-it

ROMA - "Occorre superare i pregiudizi e per questo i nostri medici ed operatori sono ogni giorno dalla parte dei migranti e dei cittadini in difficoltà; a loro offriamo una sanità senza barriere, confini e pregiudizi". Con queste parole il direttore generale dell'Istituto Nazionale per la salute dei Migranti ed il contrasto alle malattie della Povertà (INMP), Concetta Mirisola, ha sintetizzato oggi la missione dell'Istituto in occasione dell'inaugurazione degli spazi ristrutturati della struttura alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Il Servizio Sanitario Nazionale, ha affermato, "si è dotato dal 2007 di un Istituto per la cura delle malattie dei Migranti e della Povertà: una scelta opportuna dal momento che proprio le migrazioni rappresentano oggi una sfida nuova. Sono in gioco i lavori di accoglienza e a questa sfida si deve dare una risposta a livello nazione e internazionale". Questo, ha concluso Mirisola, è un progetto "di medicina generosa, simbolo di un'Italia solidale e civile, protagonista nel Mediterraneo e in Europa".

Sono sempre di più gli italiani che si trovano in difficoltà economiche, tanto da non riuscire a garantirsi visite mediche e farmaci: il numero delle persone che si sono rivolte all'Istituto nazionale per la salute delle popolazioni migranti ed il contrasto delle malattie della povertà (Inmp) è infatti passato dall'8% del 2008 al 39% del 2015. Lo ha sottolineato il direttore generale dell'Inmp, Concetto Mirisola, in occasione dell'inaugurazione dei nuovi spazi ristrutturati dell'Istituto, alla presenza del presidente della repubblica Sergio Mattarella.
''Si tratta - ha spiegato Mirisola - innanzitutto di pensionati, ma ci sono anche molti giovani, persone che hanno perso il lavoro e separati. Offriamo loro visite mediche ma anche, in vari casi, garantiamo loro i farmaci non erogati dal Servizio sanitario nazionale. In molti, infatti, hanno difficoltà ad acquistarli''. In media, ha ricordato Mirisola, ''sono oltre 22mila le visite svolte all'Inmp ogni anno per pazienti italiani e stranieri, per un totale di circa 70mila prestazioni annue''.

Archiviato in


Modifica consenso Cookie