ANSAcom
  • Daikin punta su innovazione e green, carbon neutral al 2050
ANSAcom

Daikin punta su innovazione e green, carbon neutral al 2050

Prevista l'espansione del sito di Ariccia, 21 milioni investiti

ANSAcom

Ridurre il più possibile l'impatto sull’ambiente attraverso la produzione di tecnologie ecosostenibili e processi di produzione pensati per evitare sprechi, minimizzare le emissioni di CO2 riutilizzando materiali e risorse, ricorrere a energia pulita certificata. Daikin punta in questo modo sulla transizione ecologica, con l'obiettivo di diventare carbon neutral entro il 2050. Temi che sono stati al centro del convegno "Tra passato e futuro", organizzato presso lo stabilimento di Ariccia di Daikin Applied Europe, società italiana sede europea per lo sviluppo e la produzione di prodotti Daikin per la climatizzazione di grandi edifici commerciali e industriali. A questo sito Daikin ha destinato 21 milioni di investimenti, che hanno permesso la costruzione di una nuova struttura, moderna, dedicata alla produzione "make to stock" di una nuova linea di prodotti. Inoltre Daikin Applied Europe punta su un organico giovane: il 90% degli assunti negli ultimi quattro anni ha un’età compresa tra i 20 e i 30 anni e, sottolinea l'azienda, in molti casi si tratta di lavoratrici, per un totale di 651 dipendenti, cresciuti progressivamente dal 2013 a oggi. Una strategia che mira ad attrarre risorse dall’estero e da tutta Italia, ma anche a introdurre i giovani del territorio nel mondo del lavoro. Durante il convegno il Ceo di Daikin Applied Europe, Claudio Capozio, il marketing director Marco Flavio Calanca e l'engineering and manifacturing director, Paolo Nascetti, hanno illustrato gli obiettivi dell'espansione del sito di Ariccia, tra i quali c'è l'aumento della produzione in house di componentistica, insieme al soddisfacimento della crescita di fatturato prevista nel piano quinquennale. Riguardo al primo aspetto Daikin spiega che punterà ad aumentare la produzione interna di tubazioni di rame, unitamente all'avvio della produzione di batterie condensanti e pannelli elettrici per small inverter chiller. L'obiettivo è ridurre i rischi di supply chain, migliorare la qualità, ridurre i costi, aumentare il know-how interno. Ma la transizione ecologica e digitale passa anche attraverso la tecnologia. Su questo fronte Daikin punta, in primis, sulla tecnologia inverter, sviluppata e prodotta in Italia, a Vicenza, che permette di ridurre i consumi di chiller e pompe di calore, ottimizzando l’uso dell’energia ed eliminando sprechi. Gran parte dei prodotti Daikin, spiega l'azienda, "ne sono dotati e le nuove generazioni di prodotti saranno unicamente con inverter. Quanto ai prodotti di ultima generazione, consumano in media il 32% in meno rispetto a tecnologie tradizionali". L'obiettivo di impatto zero passa anche attraverso un programma di economia circolare, che prevede l'uso di refrigeranti rigenerati per oltre 200.000 kg all'anno. Questo, spiega l'azienda, comporta un -91% di emissioni di CO2 rispetto alla produzione di nuovo refrigerante e alla sua successiva distruzione. Tra le misure adottate per abbattere le emissioni delle fabbriche di Daikin Applied Europe c’è quella dell’utilizzo della sola energia verde certificata, che ha permesso di evitare negli ultimi cinque anni l’emissione in atmosfera di 19.792 tonnellate di si CO2, 17.864 tonnellate se si considera il solo sito di Ariccia. Tra gli obiettivi di espansione del sito c'è il rafforzamento del reparto di ricerca e sviluppo, come ha spiegato il Ceo Capozio: "Negli ultimi cinque anni siamo passati da 31 a 70 dipendenti e abbiamo investito nella creazione di laboratori di ricerca per 2,5 milioni. Ma stiamo per fare nuovi investimenti, pari a sei milioni, per un nuovo stabilimento che sarà totalmente dedicato a laboratori, sale training per i clienti e operazioni di service delle nostre macchine". Inoltre, ha concluso Capozio, "intendiamo rafforzare ulteriormente i dipartimenti marketing e supporto alle vendite".

In collaborazione con:
Daikin

Archiviato in


Modifica consenso Cookie