Politica
  1. ANSA.it
  2. Politica
  3. Covid: approvato il decreto per le festività con le nuove misure

Covid: approvato il decreto per le festività con le nuove misure

Non passa l'idea di introdurre l'obbligo di vaccino per tutti i dipendenti della Pa

Il Consiglio dei ministri ha approvato all'unanimità il decreto legge con le nuove norme per arginare il contagio da Covid nelle festività. Lo si apprende da fonti di governo a riunione ancora in corso.

ATTESA LA CONFERENZA STAMPA DI SPERANZA, LOCATELLI E BRUSAFERRO

 

 

Divieto di eventi all'aperto fino al 31 dicembre, durata ridotta a 6 mesi del Green Pass e l'obbligo in tutta Italia delle mascherine all'aperto e dell'uso di Ffp2 ad eventi, spettacoli e sui mezzi di trasporto. Sono queste, secondo quanto si apprende, alcune delle misure esaminate nella Cabina di regia sulle nuove misure di contrasto al Covid alla luce della variante Omicron che si è svolta a Palazzo Chigi.

Non passa l'idea di introdurre l'obbligo di vaccino per tutti i dipendenti della Pa. Lo si apprende da diverse fonti di governo, mentre è ancora in corso la riunione del Consiglio dei ministri. Perplessità sarebbero state espresse da diversi ministri, a partire da quelli del M5s, poi la decisione sarebbe stata unanime.

Dal 30 dicembre e fino alla cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da Covid-19, "l'accesso alle sale da ballo, discoteche e locali assimilati, dove si svolgono eventi o feste comunque denominate, aperti al pubblico, è consentito esclusivamente ai soggetti muniti di una certificazione verde Covid-19, rilasciata a seguito della somministrazione della dose di richiamo successivo al ciclo vaccinale primario". Lo si legge nella bozza del dl Festività. L'accesso è consentito anche a chi abbia fatto due dosi di vaccino o sia guarito dal Covid e presenti l'esito negativo del test antigenico rapido o molecolare.

Per consentire il ritorno in classe in sicurezza alla fine delle vacanze di Natale potrebbe esserci uno screening straordinario degli studenti. E' una delle ipotesi, secondo diverse fonti, che sarebbe emersa nel corso della cabina di regia sul Covid e che dovrà essere decisa dal Consiglio dei ministri dopo che nella conferenza stampa di fine anno il presidente del Consiglio Mario Draghi ha escluso il prolungamento delle vacanze e ribadito che si farà di tutto per evitare la Dad. Ad occuparsi dello screening, dicono sempre le fonti, dovrebbe essere il commissario per l'emergenza Francesco Figliuolo.

Inoltre il governo starebbe valutando l'ipotesi di calmierare i prezzi delle Ffp2 e la riduzione a 4 mesi dei tempi per la terza dose

Si valuta l'estensione del Green pass rafforzato a piscine, palestre, centri termali e benessere, ma anche per le sale da bingo

Questi in dettaglio alcuni delle misure affrontate 

 

  • Non c'è obbligo vaccini nella Pa ma decide il Cdm - Dalla riduzione della durata del Green pass, alla proroga della somministrazione dei vaccini in farmacia. Sono 10 gli articoli che compongono la bozza del decreto legge "Festività", contenente nuove misure per contenere il contagio da Covid. Nella bozza, che l'ANSA ha potuto visionare, non compare la previsione dell'obbligo di vaccini nella Pa, ma la discussione nel governo è aperta e si deciderà in Cdm.
  • Green pass durerà sei mesi dal 1 febbraio - Il Green pass dovrebbe durare sei mesi dal primo febbraio. Il tempo di durata del Green pass dunque passerà dagli attuali nove ai sei mesi.
  • Mascherina Ffp2 in cinema, eventi sport, mezzi di trasporto - Viene previsto l'obbligo di mascherine all'aperto anche in zona bianca e viene introdotto l'obbligo di FFP2 in cinema, teatri e per eventi sportivi, nonché sui mezzi di trasporto, anche TPL.
  • Fino a 31/1 Super Green pass ristoranti anche al banco - Fino al 31.01 si prevede l'estensione dell'obbligo di green pass rafforzato (2G solo per vaccinati e guariti) alla ristorazione al chiuso anche al banco. Inoltre, si vieta il consumo di cibi e bevande, al chiuso, in cinema, teatri e per eventi sportivi.
  • Super Green pass anche per musei e palestre - Dal 30 dicembre l'accesso a musei e luoghi di cultura, piscine, palestre e sport di squadra, centri benessere e centri termali, centri culturali, sociali e ricreativi, sale gioco, sale bingo e casinò sarà consentito solo a chi ha il super green pass, dunque solo ai vaccinati e ai guariti. E' quanto prevede l'articolo 7 della bozza del decreto che introduce le misure per le festività. Dall'obbligo sono esclusi i minori di 12 anni e i soggetti esentati dalla campagna vaccinale
  • Riduzione tempi per terza dose da 5 a 4 mesi - Con ordinanza del ministro della salute il periodo minimo per la somministrazione della terza dose sarà ridotto da 5 a 4 mesi dal completamento del ciclo vaccinale primario. Si attende però sul punto un approfondimento tecnico, che coinvolgerebbe anche l'Aifa. 
  • Feste all'aperto vietate fino al 31 gennaio - Fino al 31 gennaio sono vietati eventi e feste che implichino assembramenti all'aperto. E' uno dei punti sui quali si sarebbe trovato un accordo nella cabina di regia anche con l'obiettivo di uniformare le misure in tutta Italia visto che alcune regioni e sindaci si erano già mossi in questa direzione
  • Prezzi calmierati per mascherine Fpp2 - Il governo valuta l'introduzione di prezzi calmierati per la mascherine Fpp2, dopo l'introduzione dell'obbligo nei cinema, teatri, eventi sportivi e mezzi di trasporto. A quanto si apprende, la proposta sarebbe stata sostenuta da Fi e Iv, che avrebbe chiesto di calmierare i prezzi in particolare per gli studenti.
  • Per feste e discoteche a Capodanno 3/a dose o tampone - Dal 30 dicembre e fino alla cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da Covid-19, "l'accesso alle sale da ballo, discoteche e locali assimilati, dove si svolgono eventi o feste comunque denominate, aperti al pubblico, è consentito esclusivamente ai soggetti muniti di una certificazione verde Covid-19, rilasciata a seguito della somministrazione della dose di richiamo successivo al ciclo vaccinale primario". Lo si legge nella bozza del dl Festività. L'accesso è consentito anche a chi abbia fatto due dosi di vaccino o sia guarito dal Covid e presenti l'esito negativo del test antigenico rapido o molecolare. Discoteche sul piede di guerra: "Così non apriamo a Capodanno"
  • Controlli con tamponi in porti, aeroporti, frontiere - Per contenere il Covid "gli uffici di sanità marittima, aerea e di frontiera" effettuano, anche a campione, presso gli scali aeroportuali, marittimi e terrestri, test antigenici o molecolari dei viaggiatori che fanno ingresso in Italia. Lo prevede la bozza del decreto per le festività. In caso di esito positivo al viaggiatore "si applica la misura dell'isolamento fiduciario per un periodo di dieci giorni, ove necessario presso i Covid Hotel, previa comunicazione al Dipartimento di prevenzione dell'azienda sanitaria competente per territorio in modo da garantire la sorveglianza sanitaria per tutto il periodo necessario".
        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie