Politica
  • Tajani: 'Prima le riforme per il rilancio, poi la legge elettorale'

Tajani: 'Prima le riforme per il rilancio, poi la legge elettorale'

Il vicepresidente di FI ha risposto alle domande del direttore Luigi Contu e dei giornalisti Marcello Campo e Paola Lo Mele durante un Forum all'ANSA

Nel centrodestra ci deve essere una visione comune per il Paese, si deve dare una scossa, come dice Silvio Berlusconi. Tutto il centrodestra deve essere coeso dal 2023, ma lo si può fare facendo un salto di qualità con un centrodrestra di governo con una visione ancorata a valori liberisti e popolari. Bisogna dare un nuovo sogno agli italiani che non rappresenti solo la sommatoria delle forze politiche attuali.Lo ha detto il coordinatore di Fi Antonio Tajani parlando al forum Ansa. "Forza Italia - ha aggiunto - non è una caserma e il dibattito c'è stato e ci sarà sempre con Berlusconi uomo di sintesi. Quando si farà il partito unico tutti saranno chiamati a partecipare".

Per quanto riguarda la legge elettorale, per Tajani è difficile codificarla ora perché "quello che serve ora sono le riforme per il rilancio del paese a tutti i livelli, dal lavoro alla sanità. Non vogliamo prendere un gol dal coronavirus dopo la pausa estiva. Ora tutte le energie ci servono per vincere su tutti i fronti del rilancio. Io personalmente sono per il maggioritario, che potrebbe essere corretto con elementi di proporzionalità...".

Per quanto riguarda le amministrative, il coordinatore di Forza Italia sottolinea che "abbiamo cercato di trovare i migliori candidati possibili per le amministrative, ora siamo al lavoro per individuare i candidati di Milano, Napoli e Bologna. Per Milano Farinet è un buon nome e Cangini, secondo noi, sarebbe il miglior candidato possibile per Bologna. E potrebbe anche vincere. A Napoli nutriamo interesse per la candidatura di Catello Maresca ma allo stesso tempo non si può rinunciare al simbolo dei partiti, sono la cinghia di trasmissione tra cittadini ed istituzioni".

"I referendum proposti dai Radicali e dalla Lega - prosegue - sono importanti se servono al governo per accelerare la riforma della giustizia, che è per noi prioritaria. In questo caso Fi firmerà questi referendum e aiuterà anche per la raccolta delle firme".

 

  Sul tema del lavoro, Tajani sottolinea che "Incontriamo Cgil- Cisl e Uil e sindacati autonomi. Il tema del lavoro è fondamentale ma non si risolve con il blocco dei licenziamenti. Bisogna aiutare le imprese ad assumere e non a licenziare e fare una politica del lavoro diversa, più flessibile. E serve investire molto nella formazione di personale qualificato, che manca". Tajani parla di una strategia complessiva che aiuti anche la riqualificazione dei dipendenti delle imprese. In questo quadro, secondo Tajani il reddito di cittadinanza serve per aiutare chi non trova lavoro. 

E sul covid, sottoliena che "la campagna vaccinale di Figliuolo ha funzionato bene, c'e' stato un cambiamento di passo che Fi rivendica". 

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie