Nel Sostegni bis 18 miliardi di ristori, 4 per i 'conguagli'

In arrivo il nuovo provvedimento per le imprese danneggiate dal Covid. Fra le novità, altri due mesi di indennità per gli stagionali, i lavoratori del turismo e dello spettacolo, e 4 mesi di Reddito di emergenza

Con il decreto Sostegni bis ci saranno in tutto altri 18 miliardi per i ristori alle imprese danneggiate dalla crisi Covid: secondo quanto si apprende, è confermata una doppia via di indennizzo in base al fatturato, scegliendo il periodo (automatico se si opta per il periodo 2020 sul 2019, o su apposita domanda se si sceglie 1 aprile 2020 - 31 marzo 2021 rispetto al 1 aprile 2019 - 31 marzo 2020). Per queste due opzioni vengono stanziati in tutto circa 14 miliardi. Altri 4 miliardi, di cui 3 di risparmi e 1 di deficit, andranno al meccanismo perequativo sul risultato di esercizio (confrontato anno su anno) con conguaglio a fine anno. 

Nel corso della riunione di maggioranza sul decreto Sostegni bis, secondo quanto si apprende sono state illustrate anche altre novità. Tra queste, un corposo pacchetto di misure per il lavoro, ancora in via di quantificazione, altri 2 mesi di indennità per stagionali e lavoratori del turismo e dello spettacolo e 4 mesi di Reddito di emergenza, per coprire con il Rem fino al mese di settembre. 

Per il lavoro ci saranno sgravi per le assunzioni e il contratto di rioccupazione, ma anche l'intervento per evitare il decalage della Naspi. E per aiutare le famiglie più in difficoltà arriveranno anche altri 500 milioni ai Comuni per buoni pasto e affitti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie