• Roma: Conte, M5s con Raggi. Gualtieri correrà alle primarie del Pd

Roma: Conte, M5s con Raggi. Gualtieri correrà alle primarie del Pd

Lombardi e Corrado: 'Zingaretti candidato sfiora il paradosso'

Dopo una riflessione lunga un mese in casa Pd, si torna al punto di partenza: sarà l'ex ministro dell'Economia Roberto Gualtieri il candidato in quota dem per il Campidoglio. Alla fine è stato il M5s mettere la parola fine al pressing serrato da parte del partito su Nicola Zingaretti. La condizione posta dal governatore per la corsa al Campidoglio era la tenuta dell'asse giallorosso in Regione, una circostanza che il Movimento non ha assicurato in alcun modo, prospettando anzi una crisi imminente. Insomma, la trattativa serrata degli ultimi giorni tra Nazareno e 5 stelle non è andata a buon fine e l'ultima parola è spettata al leader in pectore dei pentastellati, Giuseppe Conte: "Virginia Raggi è un ottimo candidato. Ci auguriamo che la decisione del Pd non metta in discussione il lavoro comune che da qualche mese è stato avviato a livello di governo regionale". La candidatura di Gualtieri a sindaco di Roma era nell'aria da tempo, congelata nell'ultimo periodo per dare spazio all'ipotesi Zingaretti, considerato un nome più forte. L'ex ministro dell'Economia, come raccontano fonti a lui vicine, è stato spettatore fino a ieri restando a disposizione del partito, poi, venute meno le condizioni per la corsa dell'ex segretario dem, si è fatto avanti "con umiltà e orgoglio. Partecipo alle primarie del 20 giugno", ha annunciato.

A stretto giro è arrivato il sostegno via twitter del segretario Enrico Letta che, a fine giornata, viene descritto da chi gli è vicino "consapevole delle difficoltà del Movimento". Carlo Calenda, da tempo in pista per Palazzo Senatorio, lo punge: "Il candidato del Pd lo ha scelto sostanzialmente i 5s minacciando di far cadere la Regione. Alleati sinceri e affidabili...". Da domani "il prof Gualtieri", come qualcuno lo ha ribattezzato, sarà il primo grosso ostacolo per il bis di Virginia Raggi, in attesa delle scelte del centrodestra. La sindaca grillina, da parte sua, incassa l'endorsement di Conte, ringrazia e rilancia: "Avanti uniti".

"Avanti uniti. Grazie del sostegno a Giuseppe Conte, al MoVimento 5 Stelle, a tutti coloro che si impegnano e si impegneranno per Roma. Grazie a tutti voi! #AvantiConCoRaggio". Così su twitter la sindaca di Roma Virginia Raggi.

"E' innegabile il forte imbarazzo che una eventuale candidatura di Nicola Zingaretti per le Comunali di Roma porterebbe nella neonata alleanza regionale". Così le due assessore a 5s della giunta di Nicola Zingaretti, Roberta Lombardi e Valentina Corrado. "La situazione che si verrebbe a creare (uniti in Regione e avversari a Roma con Zingaretti come candidato e presidente) sfiorerebbe il paradosso", dicono le pentastellate augurandosi che le scelte del Pd su Roma "non contemplino soluzioni che avrebbero, inevitabilmente, ripercussioni sulla tenuta dell'attuale maggioranza regionale e su scenari di future alleanze nel Lazio".

"Il candidato del Pd a Roma lo hanno scelto sostanzialmente i 5S, con il sostegno di Conte alla Raggi e minacciando di far cadere la regione in caso di candidatura di Zingaretti. Alleati sinceri e affidabili. Benvenuto a @gualtierieurope. Dopo le primarie ci confronteremo". Lo scrive su Twitter Carlo Calenda, leader di Azione e candidato al Campidoglio.

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie