• Al Senato la mozione di sfiducia a Speranza. Il ministro: "Serve unità contro il virus, il piano pandemico ora c'è"

Al Senato la mozione di sfiducia a Speranza. Il ministro: "Serve unità contro il virus, il piano pandemico ora c'è"

La difesa del ministro in Aula: 'Consapevole di aver servito ogni giorno il Paese'

Con 29 voti a favore, 221 contrari e tre astensioni, l'aula del Senato ha respinto la mozione di sfiducia al ministro della Salute, Roberto Speranza, proposta da Fratelli d'Italia.

L'aula del Senato ha respinto anche la seconda mozione di sfiducia al ministro. Il documento, proposto dal senatore Gianluigi Paragone, ex M5s e ora al gruppo misto, ha avuto 29 sì, 206 no e due astensioni.

Stop anche alla terza mozione di sfiducia a Speranza, proposta dal senatore Mattia Crucioli di 'L'alternativa c'è' e nel gruppo Misto: con 28 voti favorevoli, 204 contrari e due astensioni, l'aula del Senato l'ha bocciata. Come si apprende da fonti del Senato, oggi la 'chiama' dei senatori è stata fatta, su iniziativa del presidente Casellati, con un nuovo sistema elettronico che rileva in automatico la dichiarazione di voto.

La difesa del ministro in Aula 

"Le mozioni indicano che il piano pandemico non è stato aggiornato: fanno riferimento a un lungo periodo in cui ci sono stati 7 governi , tutti i gruppi hanno sostenuto alcuni di questi governo, ed è troppo facile oggi far finta di non vedere. Ho fiducia nel lavoro della magistratura e credo che chiunque abbia avuto responsabilità debba essere pronto a rendere conto delle proprie azioni. Adesso il piano pandemico antifluenzale c'è , quello che non è stato fatto in anno è stato realizzato nel mio mandato". Così il ministro Roberto Speranza in Senato. "Resterò sempre distante dalle polemiche che danneggiano il prestigo dell'Italia e rendono più difficile il lavoro. Comprendo le ragioni della battaglia politica ma la politica non è un gioco d'azzardo sulla pelle dei cittadini. In un grande Paese non si fa politica su una grande epidemia, ha aggiunto Speranza.

"Nessuno dovrebbe mai dimenticare che il nemico è il virus e che dovremmo essere più uniti che mai nel combatterlo, evitando di cadere nella tentazione di utilizzare la lotta alla pandemia per ragioni strumentali", ha detto Speranza. "È con amarezza che vedo prevalere invece lo scontro politico, spesso anche alimentando un linguaggio di odio che non può mai essere accettato. Si afferma il tentativo di sfruttare l'angoscia degli italiani per miopi interessi di parte: è sbagliato, perché produce danni enormi, non a me o al governo, ma al Paese che deve restare unito in un passaggio delicato".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie