• Hong Kong: in centinaia a sostegno degli attivisti accusati di 'sovversione'

Hong Kong: in centinaia a sostegno degli attivisti accusati di 'sovversione'

Sit-in davanti al Tribunale. E' tra le manifestazioni di protesta più grandi degli ultimi mesi nella città. Pechino ribatte: 'Sono atti legittimi. Nessuno è al di sopra della legge'.

   Centinaia di sostenitori 'pro-democrazia' si sono radunati oggi davanti alla West Kowloon Magistrates' Court di Hong Kong a sostegno dei 47 dissidenti accusati formalmente domenica dalla polizia di sovversione, in base alla contestata legge sulla sicurezza nazionale imposta da Pechino sull'ex colonia britannica. Se riconosciuti colpevoli, potrebbero essere condannati al carcere a vita.
    Alcuni manifestanti hanno cantato slogan tra cui "Liberare tutti i prigionieri politici" e "Stand with Hong Kong", altri hanno lanciato il saluto con le tre dita "Hunger Games", usato dagli attivisti per la democrazia in Thailandia e Myanmar.
    Un piccolo gruppo di manifestanti pro-Pechino ha, invece, mostrato striscioni di supporto alla polizia, con uno che invitava "a punire severamente i traditori".
    Quella di oggi è tra le manifestazioni di protesta più grandi degli ultimi mesi nella città, alle prese anche con le restrizioni legate al Covid-19, mentre l'azione di Pechino per stroncare il dissenso sta crescendo a passo spedito dopo le proteste e le riforme, anche violente, del 2019.
    La stretta della polizia ha preso di mira le primarie di luglio 2020 del fronte pandemocratico in vista delle elezioni politiche di settembre, rinviate di un anno a settembre 2021, promosse tra gli altri da Benny Tai e dagli ex deputati Claudia Mo, Jeremy Tam, Helena Wong e 'Long Hair' Leung Kwok-hung.
    La mossa ha suscitato rinnovate critiche internazionali, guidate da Usa e Gran Bretagna, contro la soppressione da parte di Pechino di quelle libertà e autonomia promesse per la durata di 50 anni dalla restituzione dei territori dal Regno Unito alla Cina del 1997. 

   Ma Pechino ribatte: la Cina è "un Paese governato dalla legge e la società di Hong Kong è governata dalla legge, nessuno può essere al di sopra della legge". Commentando le dichiarazioni di condanna del segretario di Stato Usa Antony Blinken sulla detenzione e le accuse di sovversione contro le 47 figure di primo piano dei dissidenti, il portavoce del ministero degli Esteri Wang Wenbin ha affermato che "l'arresto e l'accusa da parte della polizia di Hong Kong sono atti legittimi".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie