Politica

Salvini chiede voto ma FI guarda a Draghi

Centrodestra sul dopo Conte. Azzurri: 'Non si può ignorare appello Colle'

Il centrodestra è compatto nel chiedere che finisca prima possibile "questo vergognoso teatrino" della crisi. Matteo Salvini, nelle vesti di capo della coalizione, sente tutti i leader per fare il punto, trovare un minimo comun denominatore, in attesa degli ultimi sviluppi di questa interminabile crisi. E gli ultimi sviluppi sono arrivati con la convocazione del professor Mario Draghi al Quirinale con l'obiettivo di un governo di alto profilo sganciato dalle tradizionali logiche politiche. Con Salvini che si appella al voto subito e cita l'articolo 1 della Costituzione sulla sovranità popolare. Ma se da un lato emergono dubbi sulla tenuta di Forza Italia in caso di un 'governo di larghe intese', dall'altro, la Lega segue con attenzione cosa potrebbe accadere all'interno dell'area di 'insoddisfatti' tra i senatori pentastellati. La notizia dell'addio di Emilio Carelli - che oggi ha parlato con Luigi Di Maio - è stata accolta con grande soddisfazione da parte del partito verde che da giorni è molto attento all'insoddisfazione crescente in alcune anime del Movimento.

Tanto che qualcuno, tra i leghisti, non esclude, magari non ora ma in futuro, uno "smottamento" a proprio favore di quell'area politica. Qualcosa di più di una sensazione, come spiega lo stesso Carelli a Rainews24: "Ho parlato con alcuni deputati e senatori del M5S e ho trovato una disponibilità, spero che nei prossimi giorni facciano un altro passo".

Intanto, al termine di un giro di telefonate con i leader, il segretario leghista diffonde una nota in cui ribadisce come "non sia possibile che la sinistra perda altro tempo, le priorità sono salute e lavoro, non i litigi per poltrone e ministeri.

Abbiamo le idee chiare su quello che serve per rilanciare il Paese". Non si parla di elezioni, non particolarmente grate ai 'piccoli', tuttavia si cerca di dare un segnale di unità in un momento in cui, soprattutto dentro Fi, cresce la tensione in attesa di capire come muoversi nel del 'dopo Conte'. E partendo dal presupposto che non si può ignorare l'appello di Mattarella.

Matteo Salvini, da giorni ha deciso di marcare stretto Fratelli d'Italia non lasciando che il partito di Giorgia Meloni sia l'unico a chiedere a gran voce le elezioni anticipate. Ma il naufragio del tentativo di Conte apre uno scenario totalmente nuovo, in cui tutto ovviamente torna in gioco. Lo sanno benissimo dentro Forza Italia, dove i gruppi potrebbero non tenere di fronte all'attrazione di un eventuale governo istituzionale. Da giorni, a partire da Silvio Berlusconi, il partito azzurro auspica un non ben definito "governo dei migliori". Formula bocciata bruscamente dallo stesso Salvini: "Il governo dei migliori sostenuto dal Parlamento dei peggiori è una cosa surreale che fa rabbrividire", osserva in mattinata.

Detto questo, la Lega garantisce che il Presidente Berlusconi, parlando con Salvini, lo abbia rassicurato a favore di una linea unitaria. Anche il vicepresidente azzurro, Antonio Tajani, in modo molto metto ha escluso ogni ipotesi di accordo con i 'giallorossi': "Non esiste la sostanziale unità del Paese se manca mezzo Paese. Voglio dire una cosa chiara e netta: la maggioranza Ursula in Italia non esiste. Si è realizzata a Bruxelles - sottolinea l'ex Presidente del Parlamento europeo - perché a guida Partito Popolare Europeo, che ha vinto le elezioni, al quale gli altri si sono accodati". Ma le voci dai gruppi parlamentari sono meno nette. Come già accaduto nella fase di 'scouting' dei cosiddetti 'responsabili', molti azzurri non si sono mossi rassicurati dal fatto che non ci sarebbero state le elezioni. Ma se quella condizione dovesse venire meno, tutto potrebbe cambiare repentinamente.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie