Governo: per la maggioranza 153 voti certi ma si tratta ancora

Occhi su Iv-Fi.In M5s assente Covid.Assenti Rubbia e Piano

Sono 153 i sì ad ora ritenuti certi per la maggioranza in Senato ma il pallottoliere viene continuamente aggiornato e c'è chi confida che l'asticella a sostegno di Conte salga fino ad almeno 158. L'obiettivo, secondo alcune fonti di governo, sarebbe quello di lasciare più di 18 senatori di margine tra i Sì e i No, per dimostrare che Iv non è essenziale alla maggioranza. Tra i senatori già in maggioranza si segnala oggi l'assenza per Covid del M5s Francesco Castiello.

Ecco dunque i numeri: 91 M5s (senza Castiello), 35 Pd, 4 senatori del Maie, 6 di Leu più Sandro Ruotolo, 7 delle Autonomie, i senatori a vita Elena Cattaneo, Liliana Segre, Mario Monti. E ancora, dal Misto: Sandra Lonardo, Tommaso Cerno, gli ex M5s Maurizio Buccarella, Gregorio De Falco. Lelio Ciampolillo e Luigi Di Marzio dovebbero votare sì ma non è confermato. Tra i voti incerti - ma dovrebbe astenersi - viene considerato Riccardo Nencini, che siede con Matteo Renzi nel gruppo Iv-Psi.

Occhi puntati sui renziani per eventuali defezioni dell'ultima ora ma al momento non se ne segnalano. In Senato si ipotizza poi qualche sorpresa da Fi, come ieri Renata Polverini alla Camera: tra i due e i quattro senatori azzurri, secondo i rumors, potrebbero votare con la maggioranza. Dovrebbero essere assenti i senatori a vita Giorgio Napolitano, Carlo Rubbia e Renzo Piano.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie