Giorni decisivi per Conte, Renzi pronto alla sfida in Aula

'Caccia ai responsabili al Senato', Toti e Cesa dicono no

 Giorni decisivi per il governo Conte. Renzi afferma di essere pronto alla sfida in Aula. Per il presidente della Camera Fico, una crisi ora sarebbe disastrosa. Voci sulla caccia ai 'responsabili' al Senato, ma Toti per Cambiamo! e Cesa per l'Udc escludono un voto a favore del governo che sostituisca l'appoggio di Italia Viva.

 Il messaggio di fine anno di Mattarella "l'ho apprezzato molto. Sono felice che al Quirinale ci sia un galantuomo che interpreta al meglio il ruolo di garante delle regole che la Costituzione gli impone. Il passaggio su Europa e vaccini, poi, è stato semplicemente magistrale". Lo dice, in un'intervista a Il Messaggero, il leader di Italia Viva Matteo Renzi.
    L'invito forte alla coesione "è un passaggio che condivido totalmente. Abbiamo la più grande chance della storia degli ultimi trent'anni: una mole di risorse mai vista per ricostruire l'Italia. Non possiamo sprecarla. Ora o mai più". Il destino dell'attuale esecutivo "dipende da Conte prima e dal Parlamento poi, non da me. Noi abbiamo messo per iscritto in due documenti le cose che non ci convincono". Se però "le nostre idee danno fastidio, andiamo all'opposizione".
    Conte ha detto "che verrà in Parlamento. A mio giudizio ha sbagliato a chiudere così la verifica di governo. Ma se ha scelto di andare a contarsi in aula accettiamo la sfida". Renzi non ha paura "della libertà delle persone. Se qualche parlamentare vorrà appoggiare il governo Conte perché convinto dalle parole del premier, bene. Mi fa sorridere che chi è entrato in Parlamento per aprirlo come una scatoletta di tonno finisca col dipendere dalle mosse di Clemente Mastella".
    L'ex presidente del Consiglio pensa "che il premier sia sicuro dei suoi conti, altrimenti avrebbe scelto la strada del confronto politico prima di andare in aula". Se invece andrà sotto, "abbiamo varie soluzioni diverse che potranno essere valutate dal Parlamento e dal Capo dello Stato. Anticipare adesso la posizione di Italia Viva sarebbe mancare di rispetto al Quirinale. La Costituzione dice che la legislatura va avanti finché ci sono i numeri in Parlamento, non finché lo dice Conte". 

"Essere responsabili significa, a casa nostra, essere coerenti con le proprie idee. Questo Governo non rispecchia le nostre. Dopo le lettura di qualche giornale ribadisco: per serietà e responsabilità Cambiamo! non sosterrà questo Governo. Il nostro Paese merita altro". Con questo tweet il leader di Cambiamo! Giovanni Toti smentisce qualsiasi appoggio al Governo Conte.

"Ancora una volta ci troviamo costretti a smentire retroscena giornalistici senza fondamento. L'Udc non partecipa al teatrino della politica: non siamo e non saremo mai la stampella di nessuno". Così Lorenzo Cesa, segretario nazionale dell'Udc.

Secondo il presidente della Camera Roberto Fico serve "che tutti i soggetti della maggioranza facciano uno sforzo per scongiurare una crisi che sarebbe incomprensibile e disastrosa". Lo dice in un'intervista a La Stampa, nella quale puntualizza: "L'appello alla responsabilità e allo spirito costruttivo del presidente Mattarella è stato molto significativo. Siamo in un momento storico delicatissimo, cruciale, verso il quale è impensabile approcciarsi coltivando meri interessi di parte. Sarebbe imperdonabile. Per questo credo che alla fine prevarranno ascolto e responsabilità". Per Fico le spinte costruttive sono "sempre positive. Ma devono essere genuinamente costruttive". Siamo davanti "a un'occasione storica per l'Italia, e per l'intera Europa". Dobbiamo "essere all'altezza, per farlo è necessario un lavoro di squadra fra tutti i soggetti istituzionali" coinvolti nel piano e poi nella spesa dei fondi. Il Parlamento italiano "è stato il primo in Europa a votare un atto di indirizzo al governo sul Recovery. Ha dimostrato la sua centralità, che dovrà proseguire". Il Movimento 5 Stelle "si pone come forza di stabilità in questa fase complessa per il Paese, nella gestione dell'emergenza sanitaria, sociale ed economica". Una dimostrazione "di forza, non di debolezza". Nei prossimi mesi "si voterà in tante città, tra cui i primi quattro comuni italiani: Roma, Milano, Napoli, Torino". Prima di pensare ai nomi si deve ragionare "sugli strumenti a disposizione delle realtà metropolitane, la cui gestione è particolarmente complessa e delicata". Per un possibile accordo M5s-Pd alle Amministrative "in alcune realtà il confronto è partito". Rispetto alla richiesta del Pd che venga onorato l'accordo sulla nuova legge elettorale "i patti vanno rispettati" commenta Fico. Bisogna risedersi al tavolo per dotare il Paese "di una legge elettorale solida e di lungo respiro".
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie