Politica
  • Beppe Grillo: 'Mes inadatto e inutile'. Di Maio: 'Non sarà attivato'

Beppe Grillo: 'Mes inadatto e inutile'. Di Maio: 'Non sarà attivato'

Delrio: 'Voto sulla riforma per Pd è punto ineludibile. Il no mette a rischio maggioranza, soprattutto al Senato'

"Il Mes è uno strumento che si può decidere di utilizzare o meno, ma se dopo aver  fatto attendere un anno l'Europa ora l'Italia non dovesse procedere (alla riforma,ndr) rischia di perdere la sua credibilità. Il fatto che alcuni parlamentari non intendano accettare questa modifica mette a rischio la maggioranza, soprattutto al Senato. Noi siamo sempre disposti a mediazioni e a tenere unita la maggioranza ed il governo ma non è possibile che non si vada avanti, per noi è un punto non eludibile.". Così il capogruppo democratico alla Camera Graziano Delrio a Radio InBlu

Per Beppe Grillo, con un post sul suo blog dal titolo 'La Mes è finita', "non starò qui ad elencare le mille ragioni che fanno del Mes uno strumento non solo inadatto ma anche del tutto inutile per far fronte alle esigenze del nostro Paese in un momento così delicato. A farlo, ogni qualvolta gli viene messo un microfono sotto al naso, ci ha già pensato il nostro Presidente del Consiglio Conte dicendo più e più volte che "disponiamo già di tantissime risorse (fondi strutturali, scostamenti di bilancio, Recovery Fund ecc..) e dobbiamo saperle spendere". Dunque non è una questione di soldi, che sembrano esserci, ma come e dove usarli". "Incaponirsi - sostiene Grillo - sull'assurda discussione sui fondi del Mes, che vengono descritti come la panacea di tutti i mali, è una mera perdita di tempo ed energie. I soldi del meccanismo europeo, è giusto ricordare che (convenienti o meno) sempre debito sono. Un debito che ormai ammonta a oltre 150 miliardi e che, prima o poi, dovrà essere ripagato dalle vere vittime morali di tutta questa storia. I giovani e le nuove generazioni".

Di Maio, non sarà attivato, mancano numeri Aula - "In aula non si voterà per accedere al Mes. È una bugia. Il Presidente del Consiglio all'eurosummit si dovrà esprimere sulla riforma. Una riforma che io stesso ho definito peggiorativa e che andava fermata anni fa. Ma i numeri per essere approvato in parlamento non ci sono". Lo ha detto, a quanto si apprende, il ministro degli Esteri Luigi Di Maio nel corso della congiunta dei parlamentari M5S. "Siamo al governo della 7/a potenza mondiale, in una fase come quella che stiamo vivendo serve grande senso di responsabilità. Non cadiamo nelle trappole di chi ci vuole deboli, di chi lavora solo per colpirci", ha aggiunto

"Nella nostra tradizione politica, un governo ha una maggioranza che gli dà mandato in Europa. Penso che il M5s farà una riflessione interna ma un governo che non ha una maggioranza in politica estera deve far riflettere. Io rifletterei da qui al 9 dicembre". Lo ha detto il ministro degli Affari Ue Enzo Amendola a Radio Anch'io sulla riforma del Mes. "Se ne discute da tre anni adesso hanno introdotto degli elementi positivi. Mi sembra normale che l'Italia firmi l'accordo per la riforma, il che non significa usare le risorse del Mes pandemico. Ma l'Italia non mette veti: noi combattiamo il veto di Orban e della Polonia" sul Recovery.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie