• Covid: nel testo dpcm via la parola 'sindaci' slle restrizioni anti-movida

Covid: nel testo dpcm via la parola 'sindaci' slle restrizioni anti-movida

Boccia: 'La norma è stata smussata ma i sindaci decidono'. Decaro: 'Norma sui sindaci è una scorrettezza istituzionale'

Nel testo finale del dpcm scompare la parola sindaci per le restrizioni anti-movida. All'art.1 del decreto si legge che "delle strade o piazze nei centri urbani, dove si possono creare situazioni di assembramento, può essere disposta la chiusura al pubblico dopo le 21". "La norma - ammette il ministro degli Affari Regionali Francesxco Boccia a Rainews24 - è stata smussata. Detto questo, se c'è un quartiere da chiudere lo decidono i sindaci , i sindaci sanno che lo Stato è al loro fianco 24 ore su 24, dobbiamo tornare alla collaborazione massima".   "Il Governo non scarica responsabilità su sindaci", ha aggiunto Boccia

"Il governo ha voluto scaricare la responsabilità del coprifuoco sui sindaci: non è possibile che siano i sindaci a chiudere le piazze e le vie della movida. I sindaci non possono controllare, per questo abbiamo preteso che sparisse dal testo del Dpcm la parola sindaco". Lo ha detto Antonio Decaro, sindaco di Bari e presidente Anci, parlando a Radio Capital. "Non ci piacciono le ordinanze-spot: se non possono esserci controlli, la norma è priva di senso. È stata commessa una scorrettezza istituzionale, non parteciperemo più a riunioni di regia perché tanto la presenza dei sindaci è inutile. Si incontrano i ministri con i presidenti di regione e decidono in autonomia. Il governo decide senza tener conto delle esigenze locali". ha aggiunto Decaro."Abbiamo considerato una scorrettezza istituzionale approvare una norma di cui non si era discusso", ribadisce  Decaro a proposito del nuovo Dpcm. "I sindaci non si sottraggono alle responsabilità - ha detto Decaro - ma a noi è sembrato inserire quella norma nel decreto senza dire nulla ai sindaci un modo per scaricare la responsabilità del coprifuoco sui sindaci davanti all'opinione pubblica e devo dire l'effetto è arrivato perché da stamattina i cittadini ci chiedono quali sono le aree che dobbiamo chiudere".

 "Nel testo definitivo è stato tolto il riferimento esplicito ai Sindaci che c'era nella bozza, citato da Conte in conferenza stampa. Ma non si dice a chi competerebbero quelle misure: se ai Sindaci, ai Prefetti, ai Presidenti di Regione. Né con quali mezzi si possano attuare". Lo dice  il sindaco di Bergamo Giorgio Gori. "Per chiudere una piazza con cinque vie d'accesso - aggiunge Gori - servono almeno 10 agenti. Chi li ha? Poi però, dice il DPCM, bisogna consentire l'accesso agli esercizi commerciali e alle abitazioni. Come si controlla? E se la gente si sposta e si assembra nella via accanto? Inapplicabile".

 "Il Presidente del Consiglio ha annunciato che i Sindaci potranno adottare coprifuoco parziali, di vie e piazze, dalle 21. Conoscendo la sensibilità istituzionale del Presidente Conte e la coesione che deve caratterizzare questo difficilissimo periodo che vive la nostra Repubblica, non posso credere che si sia deliberatamente e dall'alto, senza consultare sul punto i sindaci d'Italia, scelto di scaricare su di noi una decisione non praticabile". Lo dice il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris. "L'effetto delle parole pronunciate dal Presidente del Consiglio davanti a milioni di italiane e italiani - aggiunge - sarà quello di lasciare ancora una volta i sindaci con il cerino in mano. Lo Stato sceglie, quindi, di puntare il dito per nascondere quello che non si è fatto, in tante parti del Paese, per rafforzare la rete territoriale di sanità pubblica. Provo amarezza, sconforto e delusione per uno Stato che non ha la sensibilità, la volontà e la lungimiranza di mettere al centro i suoi cittadini e chi li rappresenta, a mani nude, sul territorio, con poche risorse umane e spesso senza un euro. Dopo 9 mesi dallo scoppio della pandemia è un segno di debolezza e mancanza di lucidità dello Stato non riuscire a garantire il controllo del territorio e scaricarlo sui sindaci che spesso non hanno né personale, nè soldi, per pagare straordinari. Presidente Conte - chiede de Magistris - corregga il tiro, faccia il generale che sta vicino ai soldati che combattono sulla prima linea con pochi viveri e poche armi e che cercano, ogni giorno, di arginare epidemia sociale, economica e lavorativa e contenere l'avanzata del contagio criminale ".

"Il nuovo Dpcm scarica sui sindaci la responsabilità del coprifuoco alle 21, una decisione che lascia perplessi anche perché, come sottolineato a più riprese negli scorsi mesi, esiste un problema relativo ai controlli. Esistono realtà del Sud senza neanche un vigile urbano". Lo afferma, in una nota, il senatore di Italia Viva, Ernesto Magorno, sindaco di Diamante (Cosenza). "Come è possibile garantire - si domanda Magorno - un'adeguata copertura del territorio? I sindaci hanno sempre mostrato spirito di collaborazione nonostante non abbiano trovato ascolto nelle istituzioni che ora devono cambiare rotta perché non possiamo essere lasciati soli".

"I sindaci sono sempre stati in prima linea e continueranno ad esserlo. Non ci tireremo indietro anche di fronte alle nuove responsabilità che il governo ha deciso di scaricare su di noi, ma tutto questo deve essere accompagnato da adeguate misure di ristoro economico per le attività a cui si impongono chiusure e di sostegno ai Comuni". Così il sindaco di Ferrara e vicepresidente Anci Emilia-Romagna Alan Fabbri (Lega) commentando i contenuti del nuovo Dpcm. Sul fronte di aiuti e sostegno, aggiunge, "da parte del governo ci saremmo aspettati, da subito, un quadro dettagliato di risorse, azioni e interventi per aiutare categorie e attività su cui, anche questo Dpcm, impatterà in maniera fortemente negativa. Purtroppo così non è stato, al momento ci sono solo sterili promesse". "Come Comune abbiamo cercato di fare la nostra parte - sottolinea Fabbri - e continueremo a farla. Penso, ad esempio, al bando da 1,7 milioni di euro a fondo perduto per le piccole imprese danneggiate dal lockdown". Il sindaco aggiunge che prosegue il lavoro di 'Ferrara rinasce', progetto messo in campo per la ripartenza.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie