• Coronavirus, Boccia: 'Se l'Italia è a basso rischio, il 3 giugno si riparte'

Coronavirus, Boccia: 'Se l'Italia è a basso rischio, il 3 giugno si riparte'

Intesa tra Boccia e Fontana sugli spostamenti interregionali. Speranza: 'Attenti alla seconda ondata'. In Trentino l'8 giugno riaprono scuole materne e nidi

Per gli spostamenti tra le regioni si aspetterà il monitoraggio di giovedì 29 maggio.  E'  quanto emerso dall'incontro a Palazzo Lombradia tra il ministro per gli affari regionali Boccia e il governatore lombardo Fontana.L'incontro è stato definito da entrambi "utile e positivo". "Ci siamo confrontati in termini di carattere generale, sulla situazione della Lombardia e dell'intero Paese - spiegano Boccia e Fontana - e abbiamo condiviso quanto sia importante non abbassare la guardia. Gli sforzi compiuti dai lombardi e dagli italiani sono stati grandi e non possono essere vanificati". In serata Boccia ribadisce: "Prima del 3 giugno è prevista una valutazione dei dati del monitoraggio che farà il ministro Speranza, che ha preso sempre decisioni che non sono mai state semplici e oggi lo sono ancora di meno. Valuteremo tra giovedì e venerdì. C'è un sistema condiviso dalle regioni, che trasmettono ogni giorni tanti dati. Se l'Italia sarà tutta a basso rischio il 3 si rimette in cammino anche perché c'è l'idea di riaprire le frontiere con i paesi europei, ma sempre con grande cautela, perché non possiamo vanificare i sacrifici che abbiamo fatto".

"Non possiamo e non dobbiamo permetterci comportamenti imprudenti che rischiano di vanificare il lavoro che è stato fatto, la grande determinazione della maggior parte dei cittadini lombardi che hanno accettato di subire limitazioni della loro libertà": è quanto ha detto il presidente della Lombardia Attilio Fontana nel corso di una diretta Facebook. "Non possiamo sprecare il sacrificio fatto per atti assolutamente imprudenti - ha aggiunto - Rimaniamo attenti e concentrati e facciamo in modo che questa battaglia finisca definitivamente a nostro favore".

"Una seconda ondata epidemica è temuta da tutti gli scienziati del mondo e chi ha il compito delle decisioni politiche non può sottovalutare tale eventualità e dobbiamo farci trovare pronti, per questo abbiamo aumentato i posti in terapia intensiva del 115%. Siamo preoccupati dall'ipotesi di una seconda ondata e il paese deve farsi trovare pronto nella sua interezza". Lo ha detto su Sky tv il ministro della salute Roberto Speranza.

Intanto da lunedì 8 giugno dovrebbero riaprire in Trentino nidi e scuole materne. Lo ha annunciato il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, precisando che la "Provincia sta lavorando a questo obiettivo vista la stabilizzazione oggettiva del contagio". La decisione sarà lasciata ai genitori, ha aggiunto Fugatti che ha sottolineato come queste riaperture siano importanti per venire incontro alle difficoltà legate alla conciliazione fra scuola e lavoro. Riguardo ai centri estivi, l'assessore Stefania Segnana ha detto venerdì verrà presa una decisione riguardo alla loro apertura.

Dunque finora sembra essere andata bene la riapertura del 4 maggio dopo il lockdown imposto dalla pandemia di Covid-19. I dati che la descrivono stanno arrivando in questi giorni e indicano che il senso di responsabilità ha avuto la meglio sulla diffusione del nuovo coronavirus, anche se alcune regioni meritano ancora attenzione. C'è soddisfazione fra gli esperti, ma anche un forte invito a proseguire nei comportamenti prudenti perché, come ha detto il presidente dell'Accademia di Lincei Giorgio Parisi, i dati che vediamo potrebbero essere la punta di un iceberg. La situazione è buona in tutta Italia, dove Sardegna, Calabria, Molise, Basilicata e la provincia autonoma di Bolzano si confermano le regioni più virtuose, con zero nuovi contagiati. Buoni anche i dati della Protezione civile sui decessi, mai così pochi dal 2 marzo con un aumento di 78 in 24 ore; il totale è salito a 32.955. Anche il numero dei malati è in calo, con 2.358 meno di ieri (in totale 52.942) così come i ricoveri in terapia intensiva (20 in meno di ieri), mentre salgono a 144.658 guariti e dimessi (2.677 più di ieri). Si dirada il mistero sui dati della Lombardia, soprattutto quelli sui decessi che domenica 25 erano scesi a zero e risaliti a 34 lunedì; oggi se ne registrano 22. E' anche la regione che continua a registrare il maggior numero dei casi in Italia: in 24 ore se ne sono registrati 159 in sui 397 a livello nazionale.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA

Ultima ora




Modifica consenso Cookie