Di Maio, via al patto export per rilancio Made in Italy

Più e-commerce e fiere virtuali. Sì dalla Conferenza Regioni

Via al patto per l'export per "mettere in sicurezza gli imprenditori" e rilanciare il Made in Italy, adeguandolo al nuovo mondo segnato dal Coronavirus. E allora più e-commerce, maggiore digitalizzazione e 'fiere virtuali' aperte 365 giorni l'anno. Così il ministro degli Esteri Luigi di Maio si è rivolto alle associazioni di categoria, proponendo di marciare uniti e stringere un patto per rilanciare un settore, quello del commercio con l'estero, che pesa per circa 1/3 sul Pil nazionale. Dalla prossima settimana, partiranno i tavoli di lavoro alla Farnesina, ovviamente in videoconferenza. E l'iniziativa ha subito trovato il consenso della Conferenza delle Regioni, il cui presidente, il governatore dell'Emilia Romagna Stefano Bonaccini, ha assicurato la piena adesione.

"Lo Stato c'è - ha assicurato Di Maio dopo aver incassato i 50 miliardi di garanzie date da Sace agli esportatori - tutta la struttura del Ministero degli Esteri darà il massimo per sostenere chi con impegno, costanza e rischio garantisce migliaia e migliaia di posti di lavoro agli italiani". Italiani che, del resto, possono fare la loro parte, aiutando le imprese a risollevarsi dopo la batosta inferta dallo stop imposto dal Coronavirus: "Comprare e mangiare Made in Italy non è uno slogan - ha detto il ministro - ma un nuovo approccio, è lo spirito che deve accompagnarci in questo lunghissimo percorso". 

La strada infatti non sarà breve ma non c'è tempo da perdere, ha assicurato il titolare della Farnesina, che dalla prossima settimana darà il via agli incontri di settore con i rappresentanti delle imprese. Si tratta, ha sottolineato Di Maio, "delle nostre eccellenze, della nostra terra e tradizione e, di fronte a questa crisi, abbiamo il compito di difenderla con ogni mezzo". Il ministro propone quindi di rafforzare tra l'altro la comunicazione strategica, con l'urgente predisposizione di un piano straordinario di comunicazione, di potenziare l'e-commerce e la digitalizzazione, ammodernare il sistema fieristico prevedendo 'fiere virtuali', rafforzare la promozione integrata e il ruolo significativo che la rete all'estero di ambasciate, istituti italiani di cultura, consolati e uffici Ice "deve saper giocare". L'obiettivo del patto è quello di individuare strategie comuni in grado di "mettere in sicurezza i nostri imprenditori, i lavoratori e le famiglie".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie