>ANSA-BOX/ Cronache della pandemia - Usa

Ospedali minacciano medici, licenziati se vi lamentate coi media

(ANSA) - NEW YORK, 1 APR - Chi parla con i media della mancanza di attrezzature protettive è licenziato. La minaccia neanche troppo velata è degli ospedali americani agli operatori sanitari in prima linea per l'emergenza del coronavirus. Una minaccia che piove mentre due top manager del Mount Sinai, una delle maggiori strutture ospedaliere di New York e degli Stati Uniti, sono in Florida nelle loro case vacanza mentre medici e infermiere combattono l'emergenza. Kenneth Davis, il 72enne amministratore delegato del Mount Sinai che nel 2018 ha incassato un compenso di quasi sei milioni di dollari, è nella sua casa fronte mare a Palm Beach. In zona anche Arthur Klein, il presidente del Mount Sinai Health Network, anche lui proprietario di un casa in Florida.
    Un'assenza la loro che il sindacato delle infermiere di New York condanna: "Come si può ispirare fiducia a chi è in prima linea se si è a migliaia di chilometri di distanza? E soprattutto come si possono reperire mascherine e attrezzature di protezione per tutelare lo staff e di conseguenza i pazienti?", afferma Judy Sheridan-Gonzalez, presidente della New York State Nurses Association.
    Proprio le denunce sulla mancanza di mascherine e materiale di protezione da parte dei medici hanno spinto negli ultimi giorni gli ospedali americani a minacciare i loro dipendenti: "Se parlate con i media sarete licenziati", è il messaggio recapitato. E Ming Lin, medico del pronto soccorso di un ospedale nello stato di Washington, ne sa qualcosa: ha perso il posto di lavoro per aver rilasciato un'intervista in cui spiegava l'inadeguatezza della protezioni a disposizione. Ne sa qualcosa anche un'infermiera di una struttura di Chicago, licenziata per aver inviato una email ai colleghi chiedendo mascherine per svolgere il suo lavoro. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie