Pressing Pd-5s per legge su fine vita ma niente eutanasia

Il day-after della consulta, Casellati 'senato e' pronto'

Divide la sentenza della Consulta che ha aperto al suicidio assistito, mentre Pd e M5s cercano un accordo e scacciano l'idea dell'eutanasia. Di Maio auspica la legge sul fine vitae e Cirinnà (Pd) chiede che il Parlamento legiferi presto e bene. Salvini è contrario e e Pillon parla di strada aperta al suicidio di Stato. La Casellati chiede che il 'Senato esamini ddl sul tema', e Fico assicura che la camera si muoverà 'nel solco della Corte'. Il segretario generale della Cei, mons. Russo, chiede l'obiezione di coscienza per i medici e attacca: 'Non è libertà, la società perde il lume della ragione'. Un malato di Sla scrive al Papa: in centinaia come me hanno la stessa idea, siamo un peso per le strutture pubbliche. E il Papa confessa: mi sento assediato, pregate per me.

La sentenza della Consulta che ha aperto al suicidio assistito, invocando però l'intervento del legislatore per varare una legge sul fine vita, divide la società e la politica.

"La debolezza della politica non ha dato riscontro, in sei anni i cittadini non avuto nessuna risposta. La sentenza della Consulta dia la forza alle persone che stanno in Parlamento per aprire una discussione ed arrivare ad una decisione", ha detto. 

E intanto un malato di Sla si rivolge in una lettera direttamente al Papa. "Quando il dolore fisico ti fa urlare ma non puoi perchè non hai voce e il dolore resta facendoti impazzire. Caro Papa Francesco allora comprendi che c'è un'unica via d'uscita, andartene". E' un passaggio della lettera che Gianfranco Bastianello, 63 anni e malato di Sla da quando ne aveva 14, ha inviato al Santo Padre. Bastianello, del Cavallino (Ve), cattolico praticante, ex responsabile della comunicazione dell'hotel Danieli di Venezia, è impegnato da sempre per i disabili e il muoversi in carrozzina da 10 anni, come riferisce La Nuova Venezia, non lo limita nelle battaglie.

 DA WELBY A DJ FABO, 12 ANNI DI LOTTA SUL 'DIRITTO DI MORTE'

La senatrice del Pd Monica Cirinnà chiede di legiferare "presto e bene", Renzi suggerisce di "fare uno sforzo di ascoltarsi l'uno l'altro, senza scontri ideologici", mentre Salvini afferma che mai approverà "il suicidio per legge".

Il segretario generale della Cei, monsignor Russo, intanto, chiede l'obiezione di coscienza per i medici e attacca: "Non comprendo come si possa parlare di libertà, la società perde il lume della ragione".

DA ACCANIMENTO A EUTANASIA, LE PAROLE DEL FINE VITA

"Personalmente la ritengo una questione di libertà e ritengo sia stato opportuno che la Corte abbia iniziato a regolamentare questa vicenda, senza far slittare la sentenza, come da alcuni partiti richiesto". Così, all'ANSA, Lorenzo d'Avack, presidente del Comitato Nazionale di Bioetica, in merito alla sentenza della Consulta che ha parzialmente depenalizzato l'580 del Codice Penale, legalizzando, in alcune circostanze, il suicidio assistito.

QUASI 800 CASI DI RICHIESTA DI DOLCE MORTE, IN AUMENTO

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie