Politica

25 aprile: polemica Roma, Anpi-Brigata Ebraica ancora divisi

Corteo ex partigiani con centri sociali. 'Sono anti-israeliani'

 Sarà un altro 25 Aprile di polemiche e divisioni a Roma, con la festa della Liberazione dal nazifascismo che ormai sembra impossibile celebrare in modo unitario. L'Associazione nazionale partigiani d'Italia (Anpi) tornerà a sfilare dal Colosseo a Porta San Paolo, luogo simbolo della resistenza, ma anche quest'anno saranno assenti la Brigata Ebraica e l'Associazione nazionale ex deportati nei campi di sterminio (Aned). Per protesta - hanno spiegato - contro la presenza nel corteo di centri sociali e associazioni filo-palestinesi, considerate anti-israeliane se non antisemite.

Lo scorso anno il corteo ufficiale venne annullato, mentre la Brigata ebraica - che ricorda gli ebrei inquadrati con gli Alleati nella Seconda Guerra Mondiale - partecipò con l'Aned a una celebrazione in piazza del Campidoglio. Nel 2014 filo palestinesi e giovani della Comunità ebraica vennero alle mani.

L'Anpi parla di un corteo, dalle ore 10, "inclusivo, solidale ed accogliente", per il 71/esimo anniversario della Liberazione che coincide con il 70/esimo del voto alle donne, dell'avvento della Repubblica e dell'Assemblea costituente. Tra i temi però anche l'accoglienza a rifugiati e migranti. Alle 11 a Porta San Paolo i comizi di ex partigiani e della giornalista e scrittrice Luciana Castellina. Una delegazione andrà all'Idroscalo di Ostia al monumento a Pier Paolo Pasolini. La Brigata Ebraica sarà invece con la Comunità degli ebrei romani e l'Aned alle 9.30 davanti al Museo della Resistenza in via Tasso, dove i nazi-fascisti torturavano i loro prigionieri.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie