• Rai. Giacomelli: 'Paga canone chi ha la tv, non smartphone o tablet'

Rai. Giacomelli: 'Paga canone chi ha la tv, non smartphone o tablet'

Il sottosegretario: "Evadere il canone reato? Se si dichiara il falso"

Niente canone Rai per chi possiede solo pc, tablet e smartphone. Tenuto a pagarlo, anche dopo il suo inserimento nella bolletta elettrica, sarà chi ha in casa un televisore o la radio. La precisazione arriva dal sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli, mentre il Tesoro è al lavoro sulle ultime limature, prima della presentazione al Parlamento, all'articolo 10 della legge di stabilità, con le nuove norme sulla tassa. Tra le novità quella sulla destinazione delle maggiori entrate che dovrebbero derivare dall'abbattimento dell'evasione fiscale garantito dalla pagamento con il cedolino della luce. Tali somme - si legge nella bozza della manovra - non andrebbero a finanziare la tv pubblica, ma finirebbero nel fondo per la riduzione della pressione fiscale. Un tesoretto, stimato in circa 500 milioni di euro, che fa gola alla Rai e che sembrava destinato alla riduzione della pubblicità su alcune reti pubbliche (un obiettivo più volte sottolineato dal premier Matteo Renzi) o al fondo per le tv private e l'editoria. Negli anni dal 2016 al 2018, invece, secondo l'ultima versione dell'articolo, la Rai dovrebbe poter contare su introiti per un miliardo e 700 milioni come negli anni passati, rispetto un gettito previsto di 2 miliardi e 200 milioni. Già nel 2014, tra le polemiche, la Rai contribuì con 150 milioni di euro a sostenere l'operazione "80 euro". Poi, con l'ultima legge di stabilità, fu decisa una riduzione strutturale del 5% dei trasferimenti alla tv pubblica. La legge di stabilità contiene i dettagli sulla riduzione del canone Rai, che ammonterà a 100 euro, senza alcuna maggiorazione legata alle accise per l'elettricità. Le modalità del pagamento, che dovrebbe essere suddiviso in sei rate da 16,6 euro, saranno definite con un decreto ministeriale entro 45 giorni dall'entrata in vigore della manovra. La tassa arriverà solo con la bolletta dell'abitazione di residenza, non delle seconde case. "Saranno i cittadini - ha spiegato Giacomelli a 24 Mattino - a dover eventualmente comunicare il mancato possesso del televisore" per non pagare il canone. Una dichiarazione falsa - ha proseguito - "sarà reato, ma non perché modifichiamo qualcosa. E' già previsto che la autocertificazione di un dato falso sia reato. Nella legge di stabilità esplicitiamo che vale quella regola". Quanto alla sanzione, sarà il Parlamento a decidere se mantenere l'ammontare già previsto che va "da due a sei volte" la somma dovuta o se, come ipotizzato dai tecnici del Tesoro, togliere la forbice e optare per una multa di 500 euro. "Tollerare un'evasione del 30% - ha sottolineato - non è giusto prima di tutto per il 70% degli utenti che pagano il canone".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie