Isis: Russia, sì Parlamento a intervento in Siria

Richiesto da Putin

Il Parlamento russo ha approvato l'uso delle truppe in Siria come richiesto dal presidente Putin. Lo riferisce Russia Today. La richiesta si riferiva all'uso delle forze armate in Siria per combattere il terrorismo su richiesta del presidente siriano Assad. La Russia userà solo forze aeree in Siria. Lo ha detto il capo dell'amministrazione presidenziale, Serghiei Ivanov, citato dall'agenzia Tass.

Prove di dialogo tra il presidente americano Barack Obama e quello russo Vladimir Putin sulla Siria. E spunta l'ipotesi di raid aerei congiunti anti-Isis. Ma le divergenze sul ruolo del leader siriano Bashar al Assad rimangono e sono nette. Dopo lo scambio di accuse nei rispettivi interventi all'Assemblea generale delle Nazioni unite, i due leader hanno avuto un faccia a faccia a porte chiuse durato 95 minuti dove si sono detti disposti al dialogo sulla transizione politica in Siria, ma sul futuro del presidente Assad "c'e' un forte disaccordo", riferiscono fonti della Casa Bianca.

"Il colloquio con Obama e' stato sorprendentemente franco, costruttivo. Possiamo lavorare insieme", ha detto Putin in conferenza stampa. Ma - ha ribadito - i raid aerei in Siria sono illegali perche' non c'e' l'autorizzazione dell'Onu. Obama e Hollande non sono cittadini siriani. Non possono decidere sul futuro del Paese". Mentre la Russia e' aperta alla possibilità di partecipare alla campagna aerea contro l'Isis in Siria ("solo se in linea con con il diritto internazionale"), Putin esclude che le truppe russe, gia' schierate nel Paese, attaccheranno sul terreno. Fonti della Casa Bianca riferiscono che gli Usa non considerano il dispiegamento delle forze militari russe in Siria come necessariamente distruttivo per ottenere un risultato positivo sul territorio, ma l'opinione dell'amministrazione dipendera' dalle azioni di Mosca e dal modo in cui proseguiranno.

"Se i russi usano la loro forza militare solamente per combattere l'Isis, allora va bene", sostiene una fonte della Casa Bianca. "Ma se lo fanno per rafforzare la lotta di Assad contro il suo stesso popolo, questo sara' negativo", ha aggiunto. I due leader - emerge inoltre - hanno convenuto che le loro forze armate dovrebbero comunicare al fine di "evitare conflitti militari tra di loro nella regione". Prima del faccia a faccia, Obama e Putin si erano accusati a vicenda - nei rispettivi interventi all'Assemblea generale dell'Onu - per la catastrofica guerra in Siria e la crisi dei rifugiati che ha contribuito a generare. "Ci sono delle potenze internazionali che agiscono in contraddizione con il diritto internazionale. C'è 'qualcuno' - ha affermato l'inquilino della Casa Bianca con una chiara stoccata a Putin - che ci dice che dovremmo sostenere dei tiranni come Assad perché l'alternativa è molto peggio. Assad ha brutalizzato il suo popolo: una soluzione in Siria deve essere la transizione a un nuovo leader. Conduco l'esercito più forte che il mondo abbia mai conosciuto e non esiterò mai a proteggere il mio Paese o i nostri alleati unilateralmente e con la forza se necessario. Ma non possiamo risolvere i problemi del mondo da soli", ha aggiunto Obama sottolineando che "dopo tanto spargimento di sangue, dopo tanta carneficina, non si può tornare allo status quo". Lo zar non ha ceduto di un millimetro sulla sua linea, quella di appoggiare il governo di Damasco, "il cui esercito è l'unico in grado di sconfiggere l'Isis. Non cooperare con il governo di Assad è un grave errore", ha attaccato. Per combattere l'Isis, ha proseguito Putin, "occorre una coalizione internazionale come quella che si creò contro Hitler durante la Seconda guerra mondiale".

Al riguardo Putin ha proposto che il Consiglio di sicurezza dell'Onu adotti una risoluzione per coordinare le forze che combattono l'Isis e altri gruppi terroristici.

GLI INTERVENTI DEI LEADER PRIMA DEL FACCIA A FACCIA

L'INTERVENTO DI BARACK OBAMA - Il presidente Usa, Barack Obama, nel suo intervento ha ricordato che "dopo la seconda guerra mondiale le Nazioni Unite hanno lavorato con gli Usa per prevenire una terza guerra. Ma correnti pericolose rischiano di spingerci verso il buio. C'e' stato progresso, ma il lavoro non è finito. Sono alla guida delle maggiori forze armate al mondo - ha ricordato il presidente Usa - e non esiterò mai a proteggere il mio paese e i nostri alleati": "gli Stati Uniti non possono risolvere da soli" i problemi del mondo. "Ci sono delle potenze internazionali che agiscono in contraddizione con il diritto internazionali. C'è qualcuno che ci dice che dovremmo sostenere dei tiranni come Assad, perché l'alternativa è molto peggio. Nessuna nazione - ha detto poi - può isolarsi dal flusso di migranti o dai pericoli del riscaldamento climatico. Non possiamo stare ad osservare quando la sovranità di una nazione è violata. Questo è alla base delle sanzioni Usa imposte alla Russia. Ma non vogliamo ritornare alla guerra fredda. Non vogliamo isolare la Russia, vogliamo una Russia forte che collabori con noi per rafforzare il sistema internazionale. Non possiamo stare a guardare mentre la Russia viola la sovranità dell'Ucraina. Oggi è l'Ucraina domani potrebbe essere qualche altro Paese. L'accordo sul nucleare iraniano - dice Obama - eviterà una guerra. La diplomazia è difficile e qualche volta si traduce in risultati non soddisfacenti, ma va provata.

IL DISCORSO DI VLADIMIR PUTIN - Il presidente russo, Vladimir Putin, è arrivato all'Onu poco dopo che il presidente Usa aveva concluso il suo intervento, ha detto di considerare i tentativi di indebolire la legittimità dell'Onu estremamente pericolosi. "E' un errore - ha sostenuto - non cooperare con il governo siriano di Bashar Assad. Ed è irresponsabile - ha aggiunto, riferendosi alla politica di Obama in Siria -  manipolare gruppi estremisti: è pericoloso dare le armi ai ribelli e giocare con i terroristi. Per combattere l'Isis - ha detto - occorre una coalizione internazionale come quella che si creò contro Hitler durante la Seconda Guerra mondiale. L'Isis non e' nato dal nulla. E' stato finanziato e sostenuto. Non possiamo permettere a questi criminali che hanno le mani sporche di sangue di continuare a perpetrare il male. La delegazione ucraina ha lasciato in segno di protesta la sala dell'assemblea generale dell'Onu durante l'intervento di Vladimir Putin. Ieri tutti i membri della delegazione russa tranne uno erano usciti dalla sala durante il discorso del presidente ucraino Petro Poroshenko a un summit sullo sviluppo sostenibile.

L'INTERVENTO DI BAN KI-MOON - "Quattro anni di paralisi diplomatica del Consiglio di Sicurezza - e' il duro attacco del segretario generale dell'Onu, Ban Ki-moon - hanno fatto si' che la crisi siriana sia diventata fuori controllo. Cinque Paesi in particolare hanno la chiave: Russia, Usa, Arabia Saudita, Iran e Turchia". Il segretario generale ha poi sottolineato che "la responsabilità e' innanzitutto in capo alle parti del conflitto in Siria, ma guardare solo all'interno del Paese mediorientale per trovare una soluzione non e' sufficiente, la battaglia è guidata anche da poteri e rivalità regionali". Ban ha aggiunto che "l'inviato speciale dell'Onu Staffan de Mistura sta facendo tutto quanto in suo potere per creare le basi di una soluzione pacifica, ma e' arrivato il momento per altri, in primis per il Consiglio di Sicurezza e per gli attori regionali piu' importanti, di fare un passo avanti. Nel 21esimo Secolo - ha detto ancora Ban - non possiamo costruire muri e steccati". l segretario generale dell'Onu, Ban Ki-moon, ha ribadito la situazione in Siria deve essere portata davanti alla Corte Penale Internazionale. "Siriani innocenti pagano il prezzo di altre bombe e atti terroristici - ha aggiunto - Il nostro impegno per la giustizia ci deve portare a deferire la situazione davanti alla Cpi". 

La presidente del Brasile, Dilma Rousseff, nel suo intervento ha detto di aspettarsi   "una di svolta nella traiettoria delle Nazioni Unite, producendo risultati concreti nel lungo e finora inconcludente processo di riforma dell'organizzazione: una riforma globale delle strutture (del Consiglio di Sicurezza) è fondamentale al fine di dare all'Onu la centralità che merita", ha aggiunto Rousseff: "Il Consiglio di Sicurezza deve essere ampliato nei suoi membri permanenti e non permanenti per diventare più rappresentativo, legittimo ed efficace". Il Brasile aspira a diventare membro permanente in un Consiglio di Sicurezza riformato.

Il segretario generale dell'Onu, Ban Ki-moon, ha anche incontrato Renzi e ha elogiato l'Italia per la sua leadership negli sforzi per trovare una soluzione alla crisi dei migranti e rifugiati". Durante l'incontro al Palazzo di Vetro, a margine dell'Assemblea generale, Ban "ha espresso la sua preoccupazione riguardo la difficile ,situazione dei profughi e migranti che arrivano in Europa, e ha sottolineato l'importanza di una risposta collettiva". Inoltre, il segretario generale dell'Onu ha espresso apprezzamento per il sostegno dell'Italia agli sforzi delle Nazioni Unite in Libia.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie