Migranti: Alfano, rimpatriati in 9 mesi circa 10mila stranieri

Arrestati 468 scafisti tanto che altri hanno cambiato rotta

"E' l'Europa e non la Germania che distingue tra chi scappa da guerre e persecuzioni e i migranti economici: i primi vanno accolti, i secondi rimpatriati. L'Italia ha rimpatriato dal primo gennaio 2015 ad oggi 9.376 stranieri, sia respinti alla frontiera che rimpatriati, e sempre dal 1 gennaio ad oggi abbiamo arrestato 468 scafisti: proprio il loro arresto ha convinto altri scafisti a cambiare la rotta e a non passare dall'Italia preferendo la rotta balcanica". Così il ministro dell'interno Angelino Alfano intervistato alla Telefonata di Belpietro su Canale 5.

"L'Italia ha il record mondiale dell'accoglienza e siamo campioni del mondo nel salvataggio di vite umane. Avevamo capito già due anni fa quello che si stava verificando: da due anni diciamo che l'immigrazione é un problema europeo e non solo italiano", ha detto Alfano.

Poi ancora: "Il Cara di Mineo è un gran 'bidone' rifilato dalla Lega ai siciliani". "Faremo di tutto per deflazionarlo - ha aggiunto il ministro - intanto sono stati rafforzati i controlli. Il problema è sul mio tavolo e nessuna soluzione è esclusa".

"Basterebbe che ogni comune italiano accogliesse due profughi ogni mille abitanti e il problema della distribuzione regione per regione sarebbe risolto senza danno", ha aggiunto il ministro. "Ci sono 95 mila migranti nei centri di accoglienza in Italia - ha rilevato il ministro - con la formula di due profughi ogni mille abitanti ne potremmo assorbire 120 mila senza creare un impatto sociale intollerabile".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie