Politica

Napolitano: 'Senza lavoro per i giovani, l'Italia è finita'

"Se non trovano lavoro i giovani, l'Italia è finita". E' la risposta che il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, in visita a Monfalcone, ha dato ad un ragazzo che tra la folla gli chiedeva cosa si può fare se non si trova lavoro. 

"Presidente, c'è speranza che i giovani possano trovare lavoro?", è la domanda che la persona ha rivolto al capo dello Stato tra la folla. Napolitano si è fermato e si è rivolto al ragazzo con l'intento di rassicurarlo.

Piccolo bagno di folla per Napolitano, dopo il suo intervento alla mostra sulla Grande guerra. Il Capo dello stato ha voluto salutare la folla che lo attendeva per la strada. Strette di mano, qualche scambio di battute ed anche un gruppo di immigrati che affacciati ai balconi riprendevano e fotografavano con cellulari e computer l'arrivo del presidente italiano

"Sappiamo che allora grandi masse di figli dell'Italia umile e provinciale scoprirono di essere cittadini. L'Italia uscì perciò da quella guerra trasformata socialmente e moralmente", ha detto il presidente della Repubblica nel centenario dello scoppio della Prima guerra mondiale. 

Una "fallace visione", una "sorprendente ingenuità e leggerezza, come ha detto il prof. Magris", e un "alto livello di impreparazione". Sono alcuni degli elementi che contraddistinsero l'entrata dell'Italia nella prima guerra mondiale, indicati da Napolitano nel suo discorso. Il Capo dello Stato ha parlato anche di "responsabilità della linea militare condotta da vari punti di vista, che a lungo prevalse".

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie