Mondo

Australia: aveva denunciato stupro in Parlamento, ricoverata

Brittany Higgins distrutta dalla "pressione" di questi mesi

 La 26enne australiana Brittany Higgins che a marzo ha rivelato di essere stata stuprata in Parlamento da un collega è stata ricoverata in ospedale per ricevere cure psichiatriche. Lo ha annunciato il suo compagno David Sharaz spiegando che ha bisogno del tempo per riprendersi dopo "mesi di incessante pressione politica".
    La denuncia della giovane aveva scatenato proteste #MeToo in tutta l'Australia suscitando rabbia e indignazione verso il mondo della politica soprattutto dove regna una cultura del sessismo e della discriminazione contro le donne. A marzo, decine di migliaia di persone in tutta l'Australia sono scese in piazza contro gli abusi sessuali e la violenza sulle donne.
    Brittany aveva raccontato di essere stata stuprata nel 2019 negli uffici dell'allora ministro della Difesa Linda Reynolds e di aver subito pressioni dai suoi superiori affinche' non andasse a denunciare.
    Diversi parlamentari sono stati accusati di violenza sessuale e cattiva condotta negli ultimi mesi. Tra questi il ministro Christian Porter, che ha negato con forza l'accusa di aver stuprato una ragazza quando era adolescente. Due giorni fa Porter ha ritirato la sua causa contro l'Australian Broadcasting Corporation per aver diffuso la notizia dell'accusa. La polizia ha chiuso l'indagine sul caso poiche' nel frattempo la vittima è morta. Nonostante le pressioni politiche, il primo ministro australiano Scott Morrison non ha voluto avviare un''altra inchiesta sul caso Porter. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie