Mondo
Responsabilità editoriale Xinhua.

Cina: commercio estero 2021 tocca un nuovo massimo

6.050 mld di dlr, in aumento di 1.400 mld di dlr rispetto 2020

(XINHUA) - PECHINO, 14 GEN - Il commercio estero della Cina è salito di un ulteriore livello nel 2021, superando per la prima volta i 6.000 miliardi di dollari, nonostante il fatto che la pandemia di Covid-19 abbia continuato a pesare sugli scambi globali; è quanto emerge dai dati ufficiali diramati oggi dalla General Administration of Customs.
    Stando a questi ultimi infatti il commercio totale di merci del 2021 ammontava a 6.050 miliardi di dollari, in aumento di 1.400 miliardi di dollari rispetto a un anno prima.
    Il volume del commercio in termini di yuan si è espanso del 21,4% a confronto con l'anno precedente arrivando a quota 39.100 miliardi di yuan, con esportazioni in aumento del 21,2% giunte a 21.730 miliardi di yuan e importazioni in aumento del 21,5% arrivate a 17.370 miliardi di yuan.
    Li Kuiwen, portavoce dell'ente, ha asserito: "la Cina è stata in prima linea nello sviluppo economico e nella risposta alla pandemia a livello globale, e ha mantenuto una rapida crescita nel commercio estero, registrando un record nel volume e un costante progresso in termini di qualità".
    Il Paese ha osservato una crescita commerciale costante con tutti i suoi cinque maggiori partner commerciali.
    L'import e l'export della Cina con l'Asean, l'Unione Europea e gli Stati Uniti hanno guadagnato rispettivamente il 19,7%, il 19,1% e il 20,2%, mentre il commercio con il Giappone e la Repubblica di Corea è salito rispettivamente del 9,4% e del 18,4%.
    Nel frattempo, gli scambi commerciali del Paese con le economie aderenti all'iniziativa Belt and Road hanno registrato un aumento superiore alla media pari al 23,6%. (XINHUA)

      Responsabilità editoriale Xinhua.

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie