Mondo
Responsabilità editoriale Xinhua.

Cina: scoperta un'antica camera funeraria

Il ritrovamento è avvenuto nel nord del Paese

(XINHUA) - TAIYUAN, 02 GEN - Gli archeologi hanno portato alla luce una tomba con una bara esterna in pietra risalente alla dinastia Wei del Nord (386-534) nella provincia di Shanxi della Cina settentrionale. Lo hanno annunciato le autorità locali.
    Secondo gli ultimi risultati della ricerca rilasciata dall'istituto provinciale di archeologia di Shanxi la tomba, che si trova nella città di Datong, presenta iscrizioni su una colonna nella camera che indicano il 456 come anno di realizzazione, mentre il nome del proprietario è Lyu Xu.
    La bara esterna, o 'Guo' in cinese, è lunga 1,8 metri in direzione nord-sud ed è larga 3,3 metri da est a ovest, raggiungendo 1,9 metri di altezza nel suo punto più elevato.
    A causa dei furti e delle infiltrazioni d'acqua nella camera, non è stata trovata la bara interna, o 'Guan', in cinese, e sono state dissotterrati solo pochi reperti.
    Gli esperti hanno notato che sul lato meridionale della bara esterna sono scolpite le immagini di due guerrieri a guardia della tomba, vestiti con abiti esotici, a torso nudo e che impugnano due tridenti.
    Zhang Zhizhong, direttore dell'istituto di archeologia di Datong, ha dichiarato che la scoperta della tomba ha fornito nuovi materiali per lo studio dell'integrazione etnica e degli scambi culturali tra Cina e Occidente. (XINHUA)

    Responsabilità editoriale Xinhua.

    Video ANSA




    Modifica consenso Cookie