Mondo
Responsabilità editoriale Xinhua.

Patrimonio immateriale cinese attrae gli stranieri (2)

(XINHUA) - CHONGQING, 22 GIU - Yu ha conosciuto i canti popolari Mudong per la prima volta più di 60 anni fa. Ha insegnato a cantarli a molte persone, compresi gli alunni della scuola e i suoi vicini. Tre anni fa ha incontrato la sua prima classe di apprendisti stranieri.
    "I miei apprendisti vengono da tutto il mondo e sono tutti interessati alla cultura cinese", dice Yu, che non solo insegna ai suoi apprendisti stranieri a cantare nel dialetto Mudong, ma spiega anche loro le storie e le emozioni che si celano dietro ai testi.
    "Possiamo non parlare la stessa lingua, ma percepiamo le stesse sensazioni dalla musica", ha commentato il 78enne che oggi ha più di 50 apprendisti stranieri provenienti da Paesi come Stati Uniti, Francia e Russia e che, oltre alle lezioni di persona, tiene anche corsi online.
    Yu è convinto che insegnare agli studenti stranieri espanderà l'influenza del patrimonio culturale immateriale cinese ed estenderà il fascino della cultura cinese a più Paesi.
    Quest'anno ricorre il decimo anniversario della promulgazione e dell'attuazione della legge sul patrimonio culturale immateriale. Nell'ultimo decennio, il governo cinese ha dato grande importanza alla conservazione del patrimonio culturale e delle culture etniche. (SEGUE)

      Responsabilità editoriale Xinhua.

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie