Responsabilità editoriale Xinhua.

Cina: cavallo in bronzo torna al Palazzo d'Estate

Scultura progettata dall'artista italiano Giuseppe Castiglione

(XINHUA) - PECHINO, 01 DIC - Dopo 160 anni, una statua di cavallo in bronzo torna nella sua posizione originale all'interno dell'Antico Palazzo d'Estate della capitale cinese Pechino. L'Amministrazione statale cinese per la tutela del patrimonio culturale e il governo popolare della municipalità di Pechino hanno organizzato una cerimonia per il ritorno dell'opera d'arte nel palazzo imperiale.
    Progettata dall'artista italiano Giuseppe Castiglione, la statua è un vero e proprio capolavoro per la cui realizzazione furono adottati vari metodi di fusione come quella separata e a cera persa, un processo di rivettatura e altre tecniche, combinando concetti e stili dell'arte orientale e occidentale.
    L'opera era anche una delle principali componenti di un orologio ad acqua ispirato allo zodiaco, formato da sculture di teste di animali, situato in una fontana fuori dalla sala Haiyan dell'Antico Palazzo d'Estate della dinastia Qing.
    L'acqua zampillava costantemente dalle singole statue secondo la sequenza temporale corrispondente ma a mezzogiorno le dodici fontane emettevano getti d'acqua contemporaneamente, dando vita a una scena spettacolare.
    L'opera è stata protagonista di un lungo viaggio prima di tornare a casa. Nel settembre del 2007, Stanley Ho, un noto miliardario di Macao, acquistò la statua in bronzo per 69,1 milioni di dollari di Hong Kong.
    Nel novembre dello scorso anno, grazie ai frequenti contatti e all'attivo coordinamento con l'Amministrazione statale cinese per la tutela del patrimonio culturale, Stanley Ho decise di donare ufficialmente l'opera alle autorità.
    Nel 2019, varie statue in bronzo di bufalo, tigre, scimmia, maiale, topo, coniglio e cavallo erano state "radunate" tutte insieme per una mostra sponsorizzata dall'Amministrazione statale cinese per la tutela del patrimonio culturale.
    Il ritorno della statua in bronzo nella sua posizione originale rappresenta l'epitome degli sforzi della Cina nel perseguire la tutela del patrimonio culturale nazionale e nel proteggere la propria splendida civiltà.
    La Cina ha aderito alle relative convenzioni internazionali e firmato vari accordi bilaterali riguardo il recupero e il rimpatrio delle opere d'arte al fine di promuovere la restituzione dei reperti perduti e il contributo delle imprese culturali e logistiche.
    Il Paese ha così esplorato insieme a propri partner una serie di efficaci metodi per risolvere adeguatamente le dispute storiche e contribuire alla costruzione di un nuovo ordine più equo e giusto per il recupero e la restituzione dei beni culturali.
    Negli ultimi 70 anni, gli sforzi comuni profusi da vari dipartimenti governativi e la partecipazione dell'intera società cinese hanno permesso la restituzione al patrimonio nazionale di oltre 300 lotti di 150.000 reperti perduti.
    He Yan, uno specialista della Beijing Urban Planning Society, sottolinea come il ritorno della statua in bronzo nella sua posizione originale abbia superato anche le difficoltà causate dall'epidemia di Covid, promosso il miglioramento complessivo della tutela e della sicurezza dell'Antico Palazzo d'Estate della capitale e creato le condizioni necessarie per un'esposizione dell'opera a lungo termine.
    "La restituzione dei reperti perduti ai loro luoghi d'origine è frutto di un accordo internazionale, notevolmente approfondito dalla promozione cinese del 'rimpatrio dei beni culturali' negli ultimi anni", spiega l'esperto.
    Agli occhi di He, il ritorno a casa dell'opera non rappresenta comunque la fine del percorso di tutela del bene.
    Una volta riposto nella posizione originale, secondo l'esperto, è necessario approfondire le relative attività di ricerca e interpretazione, raccontare la storia dei reperti e porre la dovuta attenzione alle difficoltà e agli ostacoli incontrati sul cammino verso casa dei beni culturali.
    Nello stesso giorno della cerimonia per il ritorno dell'opera d'arte nel palazzo imperiale si è contemporaneamente svolta una mostra sul posizionamento della statua in bronzo nel sito originale. (XINHUA)

      Responsabilità editoriale Xinhua.

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie