Responsabilità editoriale Xinhua.

Viaggio a Sunzhuang, un "villaggio Taobao" in Cina (3)

(XINHUA) - JINAN, 13 NOV - Come richiesto da Alibaba, creatore di questo particolare riconoscimento, i villaggi in questione devono anche ospitare oltre 100 attività commerciali, o almeno il 10% delle famiglie devono essere coinvolte nel settore dell'e-commerce.
    Secondo AliResearch, filiale del colosso cinese per la ricerca, quando questo progetto è stato lanciato nel 2009, soltanto tre villaggi in Cina riuscivano soddisfare questi standard: dieci anni dopo il dato supera i 4.000.
    Soltanto Heze City ospita ormai 307 "villaggi Taobao", dove operano in totale 180.000 negozi online impiegando più di 570.000 dipendenti. In città, secondo le autorità locali, sono stati istituiti oltre 50 parchi industriali per l'e-commerce,.
    Grazie alla continua crescita delle attività tessili e dell'abbigliamento, spiega Sun Xueping, capo del partito a Sunzhuang, il villaggio ha mantenuto il titolo per sei anni consecutivi, visto che oltre il 70% delle 760 famiglie del posto possiedono un negozio su Taobao.
    Nel 2019, le vendite totali online di capi di abbigliamento realizzati nel villaggio hanno superato i 200 milioni di yuan, mentre il mercato continua ad ampliarsi a sempre nuovi Paesi e regioni del mondo. (SEGUE)

    Responsabilità editoriale Xinhua.

    Video ANSA




    Modifica consenso Cookie