Responsabilità editoriale Xinhua.

Coronavirus: la vita di un docente italiano in Cina (3)

(XINHUA) - XIAMEN, 27 FEB - Il professore ha poi elogiato gli sforzi del governo cinese per contenere l'epidemia. Tra questi provvedimenti adottati dalle autorità del Paese troviamo un costante e vario aggiornamento delle informazioni sui contagi per mantenere ben informato il pubblico, la più rapida mobilitazione possibile delle necessarie risorse per gestire l'emergenza e l'emanazione di una serie di misure come tagli fiscali per aiutare le imprese a superare le difficoltà.
    Il docente non si è limitato a seguire le raccomandazioni del governo, ma ha voluto anche dare il proprio contributo. L'uomo si è infatti adoperato per contattare le fabbriche di propria conoscenza, donando varie forniture mediche, tra cui alcune mascherine protettive in silicone, alle organizzazioni e ai quartieri maggiormente coinvolti.
    "Molti volontari si sono uniti a questa battaglia senza troppo riguardo alla propria sicurezza", ha osservato il professore. "E' davvero toccante".
    Ma quel che ha impressionato di più d'Apolito sono gli ospedali da campo di Huoshenshan e Leishenshan, costruiti in pochissimi giorni nella città-focolaio di Wuhan, dove ha avuto inizio l'epidemia.
    "E' un miracolo e non solo per me ma anche per coloro che erano stati contagiati", ha detto il docente universitario. "La Cina ha compiuto vari miracoli: credo che presto potremo vincere questa battaglia". (XINHUA)

    Responsabilità editoriale Xinhua.

    Video ANSA




    Modifica consenso Cookie