Responsabilità editoriale Xinhua.

Cina denuncia la disinformazione Usa contro Huawei

Ambasciatore cinese in Ue accusa Pompeo di 'caccia alle streghe'

(XINHUA) - BRUXELLES, 5 DIC - Il capo della missione diplomatica cinese presso l'Unione Europea, Zhang Ming, ha denunciato ieri la campagna di disinformazione condotta dal segretario di Stato degli Stati Uniti, Mike Pompeo, contro la Cina e in particolare contro il colosso tecnologico cinese Huawei, definendola una vera e propria "caccia alle streghe".
    "Nonostante la caccia alle streghe in corso e il risalto dei media, nessun singolo Paese o individuo ha ancora fornito alcuna prova concreta per dimostrare che Huawei rappresenti una minaccia per la sicurezza", ha scritto Zhang in una lettera inviata al direttore di Politico che il 2 dicembre ha pubblicato un editoriale in merito firmato dal segretario statunitense.
    Nell'articolo intitolato 'Sul 5G l'Europa deve dare priorità alla sicurezza', Pompeo ha ribadito la propria campagna di disinformazione contro la Cina e le società cinesi, cercando di conquistare i cuori e le menti degli europei, elencando una lunga lista di false accuse e arrivando ad affermare che Huawei ha "presumibilmente trafugato proprietà intellettuale" da Paesi come Germania, Israele e Regno Unito, secondo quanto accusa Zhang.
    Inoltre, secondo Pompeo, la Legge sui Servizi Segreti in vigore in Cina permette al Partito comunista cinese di costringere qualsiasi fornitore di servizi in 5G con sede nel Paese a consegnare i dati in suo possesso in segreto.(SEGUE).
   

        Responsabilità editoriale Xinhua.

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie