Mondo

'Louis Armstrong come cavallo di Troia dalla Cia in Congo'

Libro rivela come la star fu usata a sua insaputa in tour 1960

 Louis Armstrong usato a sua insaputa come paravento dalla Cia durante una sua tournée in Congo nel 1960, in piena guerra fredda: lo rivela Susan Williams, una ricercatrice della London University's School, nel libro 'White Malice', che alza il velo sull'incredibile ampiezza delle operazioni della Central Intelligence nell'Africa centrale e occidentale negli anni '50 e nei primi anni '60.
    "Armstrong fu usato fondamentalmente come cavallo di Troia per la Cia. E' davvero straziante, fu portato a servire un interesse che era completamente contrario al suo senso di cosa fosse giusto o sbagliato. Sarebbe rimasto inorridito", spiega l'autrice dell'opera.
    Il celebre trombettista era nel pieno di un lungo tour in Africa, organizzato e promosso dal dipartimento di Stato per migliorare l'immagine degli Usa in decine di Paesi che si erano appena liberati dei regimi coloniali. Armstrong tuttavia non sapeva che ad ospitare una sua esibizione non era l'attaché politico ma il capo della Cia in Congo, che utilizzò l'occasione per raccogliere informazioni cruciali che avrebbero facilitato alcune delle operazioni più controverse della Cia nell'intera guerra fredda. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie