Biden, Trump ha mentito al Paese sul pericolo del virus

La replica del tycoon: 'Ho agito in modo da ridurre il panico'

Donald Trump "ha mentito agli americani sui pericoli del virus, che conosceva con un anticipo di settimane" e la sua "negligenza e' costata vite e ha causato la recessione economica". Intervenendo in un comizio in Michigan, Joe Biden ha attaccato il suo rivale nella corsa alla Casa Bianca facendo riferimento alle rivelazioni del nuovo libro di Bob Woodward, il giornalista del Watergate. "Non ha fatto il suo lavoro, di proposito".

Trump, ho agito in modo da ridurre il panico sul virus - Donald Trump non nega che sapeva in anticipo della pericolosita' del coronavirus, come ha ammesso nelle sue interviste (registrate) al giornalista del Watergate Bob Woodward per il suo libro 'Rage', ma ha spiegato di aver agito in un modo che pensava riducesse il panico. "L'ultima cosa che volevo era creare il panico", ha detto in una conferenza stampa.

Bernstein, da Trump il più grande crimine presidenziale - Carl Bernstein, il giornalista che con Bob Woodward smascheroò lo scandalo Watergate, punta il dito contro Donald Trump dopo le rivelazioni del suo collega sul fatto che il presidente conosceva da inizio febbraio la pericolosità mortale del virus e lo sminuì per non creare panico. "Lo ascoltiamo insabbiare questa grave emergenza nazionale. Questo è uno dei più grandi crimini presidenziali di sempre, forse è il più grande crimine presidenziale, e abbiamo la pistola fumante della registrazione di un presidente che lo commette", ha detto alla Cnn.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie