Trump rinvia raid anti-immigrati di due settimane

Dovevano scattare oggi

 Donald Trump ha deciso di rinviare di due settimane i raid contro gli immigrati illegali che sarebbero dovuti scattare nelle prossime ore. Raid il cui fine e' il rimpatrio forzato degli irregolari nei loro Paesi di origine. Sullo sfondo non solo lo scontro contro le grandi metropoli che non sostengono la linea del presidente, le cosiddette "città santuario", ma anche le divisioni all'interno dell' amministrazione e le perplessità del segretario ad interim alla sicurezza nazionale Kevin McAleenan.  Trump, parlando con i giornalisti a Camp David, ha spiegato di aver deciso il rinvio dei raid degli agenti nelle case degli immigrati senza documenti nelle dieci principali città statunitensi per dare al Congresso la possibilità di "lavorare ad una soluzione". E quindi per evitare la dolorosa stretta che sta terrorizzando migliaia di famiglie di immigrati negli Usa.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA