Mondo

Staff Trump, 'Obama non persegua agenda'

Consigliere: 'Niente mosse rilevanti in politica estera'

Il team di Donald Trump ha ammonito Obama, alla vigilia del suo viaggio in Europa, a non fare passi rilevanti in politica estera durante la transizione perché potrebbe "mandare segnali contrastanti". "Sulle questioni grandi, trasformative, in cui il presidente Obama e il presidente eletto Trump non sono allineati, non penso che sia nello spirito della transizione tentare di far passare punti dell'agenda contrari alle posizioni" di Trump, ha confidato a Politico un suo consigliere. "Sarebbe non solo controproduttivo ma manderebbe anche segnali contrastanti", ha aggiunto.

Un monito lanciato alla vigilia del viaggio in Germania (dove Obama parteciperà a un vertice con Merkel, Hollande, Renzi, Rajoy e May per riconfermare l'impegno verso Europa e Nato), Grecia e Perù. Prima del voto si ipotizzava che Obama avrebbe potuto fare un ultimo tentativo per rilanciare i colloqui di pace israelo-palestinesi e spingere forte sul Congresso per l'approvazione dell'accordo commerciale trans-pacifico (Tpp).

E Barack Obama ha colto l'occasione del suo intervento in commemorazione dei reduci militari per rimarcare e rilanciare il suo appello all'unita' dopo l'elezione di Donald Trump alla presidenza. "Adesso che le elezioni sono finite, cerchiamo il modo di unirci". "I nostri principi sono piu' durevoli delle nostre posizioni politiche", ha continuato nel suo intervento al cimitero monumentale di Arlington, "ogni volta che il mondo vi rende cinici guardate ad un reduce", ha aggiunto.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie