Mondo
  1. ANSA.it
  2. Mondo
  3. Medio Oriente
  4. Israele: Paese si ferma in ricordo della Shoah

Israele: Paese si ferma in ricordo della Shoah

Sirene suonano per due minuti. Bennett, nulla è comparabile

(ANSA) - TEL AVIV, 28 APR - Alle 10 in punto (le 9 in Italia) Israele si è fermata, come ogni anno, al suono delle sirene in ricordo dei 6 milioni di ebrei sterminati dai nazisti e dai loro complici.
    Ovunque fossero, gli israeliani hanno interrotto le loro attività: in silenzio si sono levati in piedi chinando la testa in rispetto della Memoria celebrata durante 'Yom ha-Shoah', giorno di dolore e di lutto tra i più solenni del calendario nazionale. Lungo le strade cittadine o le principali del Paese le auto in viaggio, gli autobus, hanno accostato e i passeggeri sono scesi rimanendo in silenzio e sull'attenti. Da ieri sera bar e ristoranti hanno chiuso e la radio e la tv hanno trasmesso per lo più documentari legati al tema della Shoah.
    Il ricordo è cominciato a Yad Vashem, il Museo della Memoria di Gerusalemme, con una cerimonia ufficiale in cui sei sopravvissuti hanno acceso altrettante fiaccole in ricordo dei 6 milioni di ebrei uccisi. Il premier Naftali Bennett in quell'occasione ha detto che "la Shoah non ha precedenti nella storia umana e che anche le peggiori guerre di oggi non sono l'Olocausto e non sono ad esso comparabili". Le cerimonie continueranno anche oggi sia a Yad Vashem sia alla Knesset.
    (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie