L'Ue e i 27 condannano le minacce di Khamenei su Israele

Iran: Jihad in Palestina è dovere islamico. Dichiarazioni per la Giornata di Qods

"I 27 Paesi Ue e l'Alto rappresentante Josep Borrell condannano le dichiarazioni di Khamenei che mettono in discussione la legittimità di Israele". Lo scrive su Twitter Peter Stano, portavoce di Borrell. Tali dichiarazioni sono "totalmente inaccettabili e incompatibili con l'obiettivo" di garantire che "la regione sia stabile e pacifica. L'Ue ribadisce il proprio impegno a favore della sicurezza di Israele", aggiunge Stano.

La parole di Khamenei - "Il jihad e la lotta per liberare la Palestina sono doveri islamici. La vittoria è garantita da Dio". Lo ha detto la Guida suprema iraniana Ali Khamenei nel suo discorso per la Giornata di Qods (Gerusalemme), sottolineando che sarebbe "un grave errore considerare la questione palestinese solo come una questione araba". Il principale obiettivo di questa lotta, ha aggiunto Khamenei, è "la liberazione di tutte le terre palestinesi e il ritorno di tutti i palestinesi alla loro patria".

 "L'occupazione delle terre palestinesi e la formazione del tumore canceroso dei sionisti come base per l'Occidente nella regione non devono essere dimenticate". Lo ha dichiarato Khamenei nel discorso trasmesso in diretta radiotelevisiva per la Giornata di Qods (Gerusalemme), organizzata ogni anno nellto dalla regionea Repubblica islamica l'ultimo venerdì di Ramadan per sostenere la causa palestinese.

"Il virus sionista sarà presto estirpato", ha detto la Guida iraniana. Khamenei ha aggiunto che "i gruppi jihadisti devono essere organizzati e si devono espandere nelle terre palestinesi, perché i sionisti capiscono solo il linguaggio della forza".
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie