Mondo

Gb: crisi della benzina, primi militari in azione a giorni

Ministro conferma, entreranno in campo 150 autisti dell'esercito

(ANSA) - LONDRA, 29 SET - Inizieranno a entrare in azione nel giro di "un paio di giorni" i primi militari britannici allertati su indicazione del governo Tory di Boris Johnson per dare una mano contro la crisi della catena di rifornimento al dettaglio del carburante (come di alcuni altri prodotti) rallentata nel Regno Unito dai vuoti di organico post Brexit fra gli autisti di camion: crisi che ha scatenato fino a ieri code alle stazioni di servizio. Lo ha formalizzato stamane il ministro delle Attività Produttive, Kwasi Kwarteng, precisando che la decisione "è presa".
    L'operazione coinvolge 150 specialisti dell'esercito, sottoposti ad addestramento sprint (75 nei giorni scorsi, altri 75 da oggi) per la guida delle autocisterne e finora tenuti in standby. Kwarteng ha quindi riconosciuto che i giorni passati sono stati "difficili" per i consumatori, ma ha ribadito che la situazione - resa più acuta nelle sue parole da fenomeni di accaparramento innescati dall'allarmismo dei media e di alcune organizzazioni di categoria - si sta adesso "stabilizzando".
    (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie