Mondo

Save the Children, 5,7 mln di bambini a rischio fame

Sotto i 5 anni. Appello alla raccolta 130 milioni di dollari

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - Con circa 5,7 milioni di bambini sotto i cinque anni sull'orlo della fame in tutto il mondo, il pianeta sta affrontando la più grande crisi alimentare globale del 21° secolo. Lo denuncia Save The Children, aggiungendo che altri 13 milioni di minori al di sotto dei 18 anni devono far fronte a un'estrema scarsità di cibo.
    Per la prima volta dopo decenni, fame e malnutrizione infantile sono in aumento, con molte famiglie e comunità che faticano a procurarsi cibo nutriente a sufficienza per i propri figli. Una combinazione letale di Covid-19, conflitti e impatto della crisi climatica ha portato i livelli di fame e malnutrizione a un livello mondiale mai raggiunto prima e, se non si agisce immediatamente, migliaia di bambini potrebbero morire, invertendo decenni di progressi, avverte Save the Children.
    "Tempeste, inondazioni, siccità, guerre e il Covid-19 hanno avuto un profondo impatto su raccolti, bestiame, prezzi del cibo e mezzi di sussistenza, ma nel mondo di oggi, dove c'è abbastanza cibo per sfamare tutti se distribuito in modo equo, è scandaloso che milioni di persone debbano soffrire la malnutrizione e la fame. Abbiamo l'opportunità di salvare molti di questi bambini, ma dobbiamo agire ora", ha dichiarato Inger Ashing, CEO di Save the Children International.
    Per evitare un ulteriore disastro, Save the Children sta lanciando il più grande appello della sua storia, con l'obiettivo di raccogliere 130 milioni di dollari nei prossimi mesi. (ANSA).
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA




    Modifica consenso Cookie