Erdogan, Macron rivuole le Crociate

'Francia ed Europa non meritano politici con questa mentalità'

"La Francia e l'Europa non meritano politici come Macron e quelli che condividono la sua mentalità, che non fanno altro che seminare odio" e "vorrebbero rilanciare le Crociate". Lo ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan riferendosi al sostegno del presidente francese alla rivista satirica Charlie Hebdo per la pubblicazione delle vignette su Maometto. "La cancelliera Merkel non ha saputo spiegarmi perché 100-150 poliziotti si siano introdotti nella moschea Mevlana di Berlino all'ora della preghiera all'alba", mentre "il nostro Paese conta 435 chiese e sinagoghe, che sono sotto la protezione dello stato", ha aggiunto il leader di Ankara. "Noi non abbiamo mai ostacolato il culto di nessuno, né lo faremo", ha assicurato Erdogan. 

I legali di Erdogan hanno presentato una querela alla procura di Ankara contro Charlie Hebdo per la caricatura dello stesso leader turco sulla copertina dell'ultima edizione della rivista satirica. Lo riporta Anadolu. La denuncia si aggiunge a un procedimento già aperto d'ufficio dalla procura della capitale turca. "Non c'è nulla da dire su queste canaglie. La mia collera non è dovuta all'attacco ignobile contro la mia persona, ma agli insulti contro il profeta" Maometto, ha detto Erdogan.Nella vignetta, si vede il presidente turco in panciolle sul divano, in T-shirt e mutande, con una lattina in mano, mentre solleva il lungo velo di una donna musulmana con tanto di vassoio e due calici di vino. Con l'estremità delle dita Erdogan solleva l'indumento della donna fino a lasciarle il fondoschiena completamente all'aria. Quindi l'esclamazione: "Ouuuh! Il Profeta!".

"Non ho neppure guardato questa caricatura" su di me sulla copertina di Charlie Hebdo "perché mi rifiuto di dare importanza, anche solo per curiosità, a queste pubblicazioni immorali", ha spiegato il leader di Ankara, parlando al gruppo parlamentare del suo Akp e sottolineando che "opporsi agli attacchi contro il nostro profeta" Maometto "è una questione d'onore".

"Condanniamo con la più grande fermezza l'ultima edizione della rivista francese" Charlie Hebdo, "che non ha rispetto per alcun credo, alcuna sacralità e alcun valore" ha scritto su Twitter il portavoce del presidente turco. "L'obiettivo di queste pubblicazioni senza morale e decenza - ha aggiunto - è di seminare odio e ostilità".

La procura generale di Ankara ha aperto una procedura giudiziaria mettendo sotto inchiesta la rivista satirica per la caricatura del presidente . Ieri, l'avvocato di Erdogan aveva già presentato una denuncia presso la stessa procura della capitale turca contro il leader dell'estrema destra olandese Geert Wilders per un'altra sua caricatura, diffusa su Twitter.

Nel mondo musulmano sono continuate ieri le proteste contro la Francia . E i talebani del Pakistan minacciano: "i blasfemi dovrebbero subire conseguenze. La comunità islamica dimostrerà la sua lealtà al Profeta" Bandiere francesi e fotografie di Emmanuel Macron date alle fiamme oggi pomeriggio davanti all'ambasciata di Parigi a Teheran, dove manifestanti si sono radunati per protestare contro il presidente francese, colpevole di avere difeso la pubblicazione delle vignette su Maometto da parte di Charlie Hebdo. I partecipanti alla protesta hanno chiesto l'espulsione dei diplomatici francesi e un boicottaggio dei prodotti francesi. Gridati anche slogan di 'Emmanuel Rushdie', con cui il presidente francese è stato paragonato allo scrittore anglo-indiano Salman Rushdie, condannato a morte con una fatwa dell'Ayatollah Khomeini nel 1989 per il suo romanzo 'I versi satanici'.

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie