Da Xi a Gentiloni, il cordoglio dei leader

Alfano: "Siamo vicini al popolo britannico"

Unanime sul web la condanna ed il dolore dei leader mondiali per l'attacco terroristico all'Arena di Manchester. Il presidente della Cina Xi Jinping ha telefonato alla regina Elisabetta II per porgere le sue condoglianze ai famigliari delle persone che hanno perso la vita al concerto di Manchester. Il premier australiano Malcom Turnbull ha esecrato il "brutale attacco contro giovani vite" e la leader scozzese Nicola Sturgeon ha rivolto i suoi pensieri alle vittime e ai loro famigliari, "a tutti coloro che sono stati colpiti da questo barbaro attacco".

Telefonata tra il presidente Usa Donald Trump e il primo ministro britannico Theresa May sull'attacco terroristico, definito da entrambi "particolarmente insensato e depravato" per aver colpito teenager in un evento gioioso. Lo rende noto la Casa Bianca. Trump ha ribadito alla May che "gli americani stanno con i cittadini del Regno Unito e che la nostra determinazione non verrà mai meno di fronte al terrorismo". Il presidente Usa ha offerto aiuto alle indagini.

"Cordoglio e dolore per quanto accaduto a Manchester. Siamo vicini al popolo britannico, al Governo, ai feriti e alle famiglie delle vittime": lo ha scritto in un tweet il ministro degli Esteri Angelino Alfano riferendosi alla strage della Manchester Arena.

"L'Italia si unisce al popolo e al governo britannici. I nostri pensieri alle vittime dell'attacco di #Manchester e alle loro famiglie". Lo scrive su Twitter il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie