Strappò bandiera turca, 13 anni carcere

Attivista curdo entrò in struttura militare e ammainò vessillo

 Un giovane attivista curdo che l'anno scorso durante una manifestazione era entrato in una struttura militare a Diyarbakir e aveva ammainato la bandiera turca è stato condannato a 13 anni e nove mesi di carcere, riferisce la stampa di Ankara. I fatti erano avvenuti durante una protesta nella 'capitale' del Kurdistan turco, dopo l'uccisione a Lyce di due manifestanti curdi simpatizzanti del Pkk durante scontri con i militari turchi.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie