Mondo
Responsabilità editoriale Xinhua.

Cina, Oms non si presti a politicizzazioni su origini Covid

Portavoce ministero Esteri, serve cooperazione globale

(ANSA-XINHUA) - PECHINO, 20 LUG - La Cina auspica che l'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) aderisca allo spirito di scienza, professionalità e obiettività, e lavori insieme alla comunità internazionale per preservare la natura scientifica e seria della ricerca sull'origine del Covid-19. Lo ha affermato ieri il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian.
    La Cina, ha affermato Zhao, è preoccupata per il fatto che alcuni Paesi politicizzano la questione della tracciabilità delle origini, che è in realtà una vicenda seria che deve essere affrontata attraverso la collaborazione di scienziati globali.
    "Auspichiamo che l'Oms possa ... resistere al contraccolpo della politicizzazione e salvaguardare l'atmosfera sana della cooperazione globale anti-epidemia", ha affermato Zhao in un incontro con la stampa rispondendo a una domanda sulla proposta dell'Organizzazione mondiale della sanità di una seconda fase di studio sull'origine del Coronavirus in Cina, chiedendo trasparenza alle autorità nazionali.
    "Il piano di lavoro sullo studio di seconda fase sulle origini proposto dal segretariato dell'Oms è in contrasto con la posizione della Cina e di molti altri Paesi sulla questione", ha precisato il funzionario, affermando poi che una risoluzione della 73esima sessione dell'Assemblea Mondiale della Sanità ha chiaramente richiesto al direttore generale dell'Oms di continuare a lavorare a stretto contatto con i Paesi per identificare l'origine zoonotica del virus e il percorso tramite il quale si è introdotto nella popolazione umana. (ANSA-XINHUA).
   

      Responsabilità editoriale Xinhua.

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie