Responsabilità editoriale Xinhua.

Clima: Cina studia strumenti finanziari per tagli emissioni

Banca centrale, verso fondi basso costo per incoraggiare banche

(ANSA-XINHUA) - PECHINO, 03 MAG - La banca centrale cinese sta elaborando strumenti strutturali di politica monetaria in grado di fornire un sostegno diretto all'economia per finanziare i previsti tagli alle emissioni di CO2.
    Sun Guofeng, capo del dipartimento di politica monetaria della People's Bank of China, ha spiegato che gli strumenti forniranno alle istituzioni finanziarie idonee fondi a basso costo e le incoraggeranno a offrire finanziamenti a tassi d'interesse preferenziali per progetti chiave con effetti significativi nella riduzione delle emissioni di carbonio.
    Sun ha aggiunto che tali strumenti sono stati concepiti secondo i princìpi di orientamento al mercato, trasparenza e allineamento internazionale.
    Quest'ultimo ha poi sottolineato che il principio orientato al mercato si riferisce alla creazione di un meccanismo compatibile con gli incentivi in linea, appunto, con il principio di mercato, in modo da incoraggiare le istituzioni finanziarie ad allocare più risorse in maniera proattiva per la riduzione delle emissioni di carbonio.
    Alla fine del 2020 l'importo in essere dei prestiti verdi del Paese è arrivato a 11.950 miliardi di yuan (1.850 miliardi di dollari), di cui 8.080 miliardi di yuan sono stati investiti direttamente o indirettamente in progetti per ridurre le emissioni di carbonio. Secondo la banca centrale, tale valore rappresenta il 67,6% dell'importo totale in essere.
    (ANSA-XINHUA).
   

    Responsabilità editoriale Xinhua.

    Video ANSA




    Modifica consenso Cookie