Responsabilità editoriale Xinhua.

Covid: la Cina incoraggia la vaccinazione volontaria

Maggioranza destinatari vaccini persone età superiore a 18 anni

(ANSA-XINHUA) - PECHINO, 12 APR - La Cina incoraggia le vaccinazioni volontarie contro il Covid-19 e lavora per garantire che tutte le persone idonee all'inoculazione vi abbiano accesso. È quanto dichiarato ieri da Wu Liangyou, funzionario della Commissione Nazionale della Sanità, durante una conferenza stampa.
    Le persone di età superiore ai 18 anni, in quanto attivi partecipanti dei contesti sociali, rappresentano la maggioranza dei destinatari del vaccino. Le vaccinazioni non proteggono solo noi stessi, ma anche i nostri familiari, specialmente i bambini e gli anziani, ha aggiunto Wu.
    La Cina ha accelerato il lancio del vaccino tra le popolazioni prioritarie, così come nelle regioni e nelle città chiave, ha dichiarato il portavoce della Commissione, Mi Feng, durante la stessa conferenza stampa, chiedendo la rettifica dell'inoculazione obbligatoria in alcune località del Paese.
    Nel frattempo, Wu Zunyou, epidemiologo capo del Chinese Center for Disease Control, ha messo in guardia dall'allentare la prevenzione autoimposta in primavera, specialmente durante gli imminenti festeggiamenti per il Primo Maggio. Inoltre, l'esperto ha esortato la popolazione a seguire rigorosamente le misure di prevenzione, tra cui indossare mascherine in pubblico, lavarsi le mani, praticare il distanziamento sociale ed evitare gli assembramenti.
    La Cina è ancora alle prese con il rischio di un ritorno dell'epidemia a causa del numero di casi importati, ha aggiunto l'epidemiologo, che ha citato l'esempio della città di Ruili, nella provincia dello Yunnan, nel sud-ovest della Cina, dove alla fine di marzo sono stati segnalati nuovi cluster di infezione. (ANSA-XINHUA).
   

    Responsabilità editoriale Xinhua.

    Video ANSA




    Modifica consenso Cookie