Responsabilità editoriale Xinhua.

Cina: barriere a Sanya migliorano l'ecologia marina

Città tropicale nel sud del paese

(ANSA-XINHUA) - SANYA, 08 APR - Un progetto che prevede il posizionamento di barriere marine artificiali è stato lanciato oggi a Sanya, città tropicale nel sud della Cina, nel tentativo di ripristinare l'ecologia marina della popolare destinazione turistica.
    Il progetto è stato organizzato dall'Università di Hainan e dall'isola di Wuzhizhou, uno dei migliori siti di immersione della Cina.
    A partire da aprile, 870 barriere artificiali con un volume totale di circa 30.000 metri cubi dovrebbero essere collocate nel parco marino dell'isola, ha dichiarato Wang Aimin, professore del College of Ocean Sciences dell'Università di Hainan, durante la cerimonia di lancio del progetto. Le scogliere artificiali vengono utilizzate in tutto il mondo per migliorare l'ecologia dell'oceano, creando ulteriori habitat per gli organismi acquatici e i pesci locali.
    Il team di Wang progetta diversi tipi di scogliere per garantirne le qualità ornamentali, inoltre verrà applicata l'informatica al sistema di raccolta dati del parco marino. Fino al 2020, nel parco marino dell'isola di Wuzhizhou sono state collocate 1.526 barriere artificiali, 21 barriere navali e un gruppo di rocce vulcaniche, ha riferito Wang.
    "Con le barriere, abbiamo ripristinato l'ecosistema marino e il corallo si è sviluppato bene", ha dichiarato Ding Feng, vice presidente del resort turistico dell'isola di Wuzhizhou.
    Secondo i dati ufficiali, il tasso di copertura del corallo vivente nel ranch marino dell'isola è aumentato da meno del 15% nel 2010 a oltre il 23% nel 2021. Il numero di pesci nella zona è aumentato da due a tre volte durante questo periodo.
    (ANSA-XINHUA).
   

      Responsabilità editoriale Xinhua.

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie