Responsabilità editoriale Xinhua.

Coronavirus: boom industria culturale cinese nella ripresa

Riaprono teatri, internet cafè e locali

(ANSA-XINHUA) - PECHINO, 27 SET - Lo sviluppo dell'industria culturale della Cina ha avuto un forte impulso sia online che offline, durante la ripresa del lavoro e della produzione del Paese. Lo affermano i dati diffusi oggi dal ministero della Cultura e del Turismo cinese.
    Li Jian, vice direttore dell'ufficio di gestione del mercato del ministero, ha detto che al 24 settembre hanno riaperto 1.162 teatri, che rappresentano oltre il 53 percento di tutti i teatri del Paese. Più del 67 percento degli internet cafè e oltre il 94 percento dei locali pubblici per cantare e ballare hanno riaperto in tutto il Paese.
    Li ha detto che oltre 5.100 luoghi di intrattenimento hanno riaperto al pubblico, pari a quasi il 33 percento del totale in Cina, aggiungendo che più del 90 percento dei locali delle principali catene di intrattenimento hanno ripreso a lavorare.
    Secondo il ministero, l'industria della cultura internet ha assistito a una crescita dei ricavi nella prima metà del 2020, in cui i ricavi delle esibizioni online e dei servizi musicali su internet sono cresciuti rispettivamente del 34 percento e del 18 percento anno su anno. (ANSA-XINHUA).
   

    Responsabilità editoriale Xinhua.

    Video ANSA




    Modifica consenso Cookie