Responsabilità editoriale Xinhua.

Cina: italiana DiaSorin istituirà centro ricerca

Accordo tra multinazionale vercellese e distretto di Shanghai

(ANSA-XINHUA) - ROMA, 24 SET - La multinazionale della diagnostica medica, DiaSorin, ha raggiunto un accordo vincolante con il governo del distretto di Baoshan, a nord di Shanghai, per stabilirvi il proprio primo centro di produzione e ricerca.
    Lo ha annunciato ieri in una nota la società con sede a Saluggia, in provincia di Vercelli.
    Da oltre 10 anni DiaSorin opera in Cina in joint venture con il governo locale. Attualmente, l'azienda serve oltre 1.000 ospedali del Paese asiatico, offrendo soluzioni per la diagnosi delle infezioni prenatali.
    Una volta completato il nuovo stabilimento a Shanghai, DiaSorin ha annunciato che vi impiegherà oltre 300 persone.
    "Crediamo fermamente che una più forte presenza in loco ci consentirà di accedere a nuove straordinarie opportunità sul mercato", ha commentato Chen Even, direttore commerciale del Gruppo DiaSorin ."La nostra presenza in Cina è notevolmente aumentata dal 2005, quando abbiamo iniziato ad operare nel Paese", ha commentato Carlo Rosa, amministratore delegato della multinazionale vercellese. "Pensiamo che sia giunto il momento di crescere ulteriormente in questo importante mercato".
    "E' cruciale per noi rafforzare la nostra presenza in mercati in crescita e strategici come la Cina, dove centinaia di miliardi di dollari saranno investiti dal governo nei prossimi 10 anni per migliorare ulteriormente il sistema sanitario", ha aggiunto Rosa.
    Il gruppo DiaSorin sviluppa, produce e commercializza kit di reagenti utilizzati dai laboratori diagnostici di tutto il mondo. (ANSA-XINHUA).
   

        Responsabilità editoriale Xinhua.

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie