Responsabilità editoriale Xinhua.

Gioiellieri italiani puntano sul vivace mercato cinese

Cina destinazione sempre più attraente per addetti al settore

(ANSA-XINHUA) - ROMA, 23 SET - I gioiellieri italiani, che vantano da tantissimo tempo una grande esperienza nel settore, stanno rivolgendo la loro attenzione al mercato cinese, di alto valore e in rapida evoluzione.
    La Cina è una destinazione sempre più attraente per i produttori italiani di gioielli, sia per le sue dimensioni sia per il crescente interesse dei consumatori cinesi verso gli stili della moda occidentale, mentre l'economia mondiale sta rallentando a causa della pandemia del coronavirus e i mercati occidentali sono saturi.
    "Per i gioiellieri italiani, sviluppare i loro legami con il mercato cinese è una cosa da non sottovalutare", ha dichiarato a Xinhua Marco Carniello, group brand director per gioielleria e moda di Italian Exhibition Group, organizzatore della appena conclusa VOICE - Vicenzaoro Jewellery Fair in Italia. In arrivo anche un'altra fiera, il China International Import Expo, meglio noto come CIIE. L'edizione di quest'anno si terrà a novembre a Shanghai.
    In un'intervista Stefano de Pascale, direttore di Confindustria Federorafi, ha dichiarato che per un'azienda il CIIE è "il modo migliore" per conoscere il mercato cinese. Federorafi è la federazione del settore gioielli di Confindustria, la principale organizzazione di rappresentanza delle imprese italiane.
    Secondo i dati di Confindustria Federorafi, questo è importante per un settore che esporta l'87 percento della sua produzione complessiva. "Non potremmo mai sopravvivere solo con il 13 percento delle vendite qui in Italia", ha detto de Pascale. "Si tratta di esportare e i mercati cinesi hanno il maggior potenziale di crescita tra i principali mercati di esportazione", ha aggiunto.
    "Abbiamo perso due mesi di produzione durante la crisi del coronavirus e questo ci è costato una parte di quota di mercato, ma stiamo lavorando per riconquistarla", ha continuato de Pascale. "Da quando i mercati hanno iniziato a riaprire a maggio, la Cina è stata molto forte".
    Secondo Carniello, per i gioielli italiani il mercato cinese non sta crescendo solo in termini di dimensioni, ma anche di vitalità e conoscenza. (ANSA-XINHUA).
   

        Responsabilità editoriale Xinhua.

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie