Responsabilità editoriale Xinhua.

Cina: stampa 3D usata per chirurgia cranica complessa

Per intervento su bambino di 19 mesi affetto da craniosinostosi

(ANSA-XINHUA) - CHANGSHA, 15 SET - I medici della provincia dello Hunan, nella Cina centrale, hanno utilizzato la tecnologia della stampa 3D per ridurre notevolmente i rischi legati a un intervento chirurgico complesso di ricostruzione del cranio in un bambino di 19 mesi.
    Il paziente soffriva di una malformazione della struttura cranica, nota anche come craniosinostosi, un difetto congenito dovuto alla fusione precoce delle ossa del cranio di un bambino.
    Fu Xing, un neurochirurgo dell'Ospedale Centrale di Changsha affiliato all'Università della Cina Meridionale, ha spiegato che la malattia provoca deformazioni visibili e varie disfunzioni cerebrali e la chirurgia è l'unico modo per curarla.
    Per ridurre i rischi di questa operazione complessa, i medici hanno applicato la tecnologia della stampa 3D.
    Il bambino è stato sottoposto a una TAC ad alta precisione con cui i medici hanno potuto ottenere una ricostruzione tridimensionale del suo cranio, stampandone una replica. L'équipe chirurgica ha condotto "un'operazione simulata" sul modello del cranio e ha infine determinato un piano chirurgico sicuro ed efficace.
    Ieri l'ospedale ha reso noto che l'intervento chirurgico ha avuto luogo all'inizio di settembre ed è durato circa quattro ore.
    "L'intervento ha avuto molto successo. Lo sviluppo del cervello del piccolo non sarà ostacolato in futuro", ha detto Fan Tianyu, un membro del team chirurgico. (ANSA-XINHUA).
   

      Responsabilità editoriale Xinhua.

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie