Responsabilità editoriale Xinhua.

L'Export caffè brasiliano in Cina raddoppiato in cinque anni

Dal 2015 il Brasile ne ha venduto ai cinesi 84.000 sacchi

(ANSA-XINHUA) - SAN PAOLO, 17 GEN - Le esportazioni di caffè del Brasile verso la Cina sono più che raddoppiate negli ultimi cinque anni, trainate dalla popolarità del caffè tra i giovani cinesi. Lo ha affermato ieri un esperto del settore. "La trasformazione che la Cina sta subendo nel settore del caffè è spettacolare", ha dichiarato a Xinhua Eduardo Heron Dos Santos, direttore tecnico del Consiglio nazionale degli esportatori di caffè del Brasile (Cecafe).
    "Ora esportiamo il doppio di quanto facevamo cinque anni fa.
    I produttori e gli esportatori brasiliani devono discutere una strategia di pianificazione per la Cina al fine di soddisfare la crescente domanda", ha dichiarato Dos Santos.
    Negli ultimi anni i caffè sono andati a ruba in tutta la Cina e il Brasile sta beneficiando della moda.
    Secondo Cecafe, le esportazioni brasiliane di caffè in Cina sono aumentate del 110,33% dal 2015 al 2019. Nel 2015, il Paese sudamericano ha venduto 84.352 sacchi di caffè al gigante asiatico. Nel 2019, questo numero è cresciuto fino a 177.419 sacchi.
    Nell'opinione di Dos Santos, la rapida crescita del caffè in Cina, dove tradizionalmente si beve il tè, è dovuta alla crescita di catene come Luckin Coffee e Starbucks nelle principali città cinesi. (ANSA-XINHUA).
   

      Responsabilità editoriale Xinhua.

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie